Capital IdeasTM

Approfondimenti di Capital Group

Categories
Volatilità di mercato
In che modo il conflitto tra Russia e Ucraina potrebbe minacciare l'economia europea
Robert Lind
Economista

L'intensificarsi e l’ampliamento del conflitto tra Russia e Ucraina è profondamente preoccupante e sta avendo un impatto devastante sulle popolazioni coinvolte nella crisi. Questo articolo analizza gli impatti potenziali sui mercati e le implicazioni economiche del conflitto.


L'invasione russa dell'Ucraina ha innescato una rapida risposta da parte dei governi statunitense ed europeo. L'imposizione di sanzioni economiche domina le pagine finanziarie, ma ci sono altri due aspetti di questa crisi che credo avranno un impatto più profondo sull'economia mondiale. Il primo è l'aumento del prezzo del petrolio, che ora supera i 100 dollari al barile. Sappiamo da precedenti casi di incertezza geopolitica, come quando la Russia ha invaso la Crimea nel 2014, l'aumento dei prezzi del petrolio può avere un impatto significativo sull'attività economica globale.


Dal punto di vista europeo, la preoccupazione più grave è l’impatto sui prezzi del gas naturale, che sono già elevati. Ciò riflette la preoccupazione di assistere a un'interruzione significativa delle forniture di gas russo all'Unione europea. L'instabilità geopolitica in corso probabilmente spingerà i prezzi del gas ancora più in alto. Ciò sarà particolarmente problematico per paesi come la Germania e l'Italia, due delle maggiori economie europee.


I mercati azionari sono storicamente stimolati da eventi geopolitici

Fonti: Capital Group, Refinitiv Datastream, Standard & Poor's. Grafico mostrato su scala logaritmica. I livelli dell'indice riflettono i rendimenti dei prezzi e non includono l'impatto dei dividendi. Dati ll 31 gennaio 2022.

Le maggiori economie europee hanno già sperimentato un forte aumento dei prezzi dell'energia. I prezzi del petrolio tendono ad alimentare rapidamente i prezzi al consumo. Ma il trasferimento dei prezzi del gas dal commercio all'ingrosso al dettaglio varia, soprattutto grazie al sostegno dei governi che cercano di proteggere i consumatori. È probabile che i recenti aumenti continueranno ad alimentare i prezzi al consumo nei prossimi mesi.


L'annuncio della Germania di non certificare il Nord Stream 2, un nuovo gasdotto dalla Russia alla Germania, non ha alcun impatto diretto sulla fornitura in quanto non è ancora operativo. Tuttavia, è possibile che potremmo assistere a un'interruzione più significativa dell'approvvigionamento dell'Europa se la Russia si vendicasse limitando le esportazioni verso l'UE. Ciò danneggerebbe anche l'economia russa, ovviamente, ma la Russia ha accumulato le sue riserve valutarie per proteggersi da tale eventualità.


Un'altra questione urgente è cosa potrebbe implicare un aumento deiprezzi elevati delle materie prime per la politica della banca centrale.


Potremmo trovarci di fronte a un altro shock negativo dell'offerta, che di fatto aumenta l'inflazione e deprime la crescita economica. Credo che la Federal Reserve e la Banca Centrale Europea procederanno con maggiore cautela in termini di inasprimento della politica monetaria.


Mi aspetto inoltre che i governi europei intensifichino il sostegno alle famiglie e alle imprese per proteggerle dall'aumento dei prezzi dell'energia, rafforzando le misure adottate negli ultimi mesi. In uno scenario peggiore di gravi interruzioni dell'approvvigionamento e prezzi elevati, i governi potrebbero dover ridurre la domanda di energia e compensare le aziende e le industrie interessate.


Mentre le principali economie europee possono far fronte a interruzioni dell'approvvigionamento a breve termine e alla volatilità dei prezzi, crescono le preoccupazioni per la sicurezza dell'approvvigionamento energetico dell'Europa a medio termine. Sarà difficile per l'UE ricostruire i suoi depositi di gas in primavera e in estate se si verificano continue interruzioni dell'approvvigionamento e la domanda rimane sostenuta.


Man mano che i paesi eliminano gradualmente il carbone, la necessità di gas è aumentata. Il governo tedesco ha anche confermato la chiusura delle restanti centrali nucleari entro la fine del 2022. Ci saranno crescenti pressioni sui governi europei affinché continuino a sviluppare altre fonti di energia. Ma questo richiederà tempo, lasciando l'Europa vulnerabile a qualsiasi ulteriore deterioramento delle relazioni con la Russia.



Robert Lind è un economista con 33 anni di esperienza nel settore. Ha conseguito una laurea in filosofia, politica ed economia presso l'Università di Oxford.


 

I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri. Il valore degli investimenti e del relativo reddito può aumentare come diminuire e l’investitore potrebbe perdere in parte o per intero l’importo dell’investimento iniziale. Le presenti informazioni non intendono fornire consulenza fiscale, per gli investimenti o di altra natura, né essere una sollecitazione all'acquisto o alla vendita di titoli.

Le dichiarazioni espresse da un singolo individuo rappresentano l’opinione di tale persona alla data di pubblicazione e non coincidono necessariamente con le opinioni di Capital Group o delle sue affiliate. Salvo diversamente indicato, tutte le informazioni si intendono alla data riportata. Alcune informazioni potrebbero provenire da terze parti e, di conseguenza, l'affidabilità di tali informazioni non è garantita.