Capital IdeasTM

Approfondimenti di Capital Group

Categories
Azioni globali
Quando la volatilità è in aumento, la monotonia attrae
Jonathan Knowles
Gestore di portafoglio azionario
Andrew Suzman
Gestore di portafoglio azionario
Diana Wagner
Gestore di portafoglio azionario

Le aziende tecnologiche e digitali in rapida crescita hanno suscitato un grande entusiasmo da parte degli investitori negli ultimi dieci anni, oltre a generare una quota di rendimenti di mercato sovradimensionata.


Dall'inizio del 2022, tuttavia, molti di questi settori preferiti del mercato sono stati messi a dura prova. Tra il rallentamento della crescita economica, l'impennata dell'inflazione e il timore dell'aumento dei tassi di interesse, gli investitori potrebbero esaminare più attentamente le valutazioni elevate di molte piattaforme digitali e titoli software.


"Per gli investimenti è uno dei contesti più complessi da diversi anni", afferma Jonathan Knowles, gestore di portafoglio azionario. "Con i continui dubbi sulla persistenza dell'inflazione e sui cambiamenti nel panorama geopolitico, ho intenzione di investire in un 'portafoglio per tutte le situazioni' che possa resistere a una serie di rischi potenziali".


Ecco perché, secondo Knowles, la monotonia è attraente. "Ho intenzione di investire in aziende monotone e affidabili, con il potenziale di generare flussi di cassa solidi e di continuare a crescere indipendentemente dalla direzione del ciclo economico o degli sviluppi macroeconomici".


Ecco alcune tematiche di investimento che gli investitori più cauti potrebbero voler considerare.


Le ferrovie nordamericane stanno cavalcando un boom delle materie prime


I cambiamenti a lungo termine verso un futuro digitale, l'implementazione dei veicoli elettrici e la transizione verso l'energia pulita continueranno probabilmente a creare opportunità per gli innovatori in queste aree. Tuttavia, queste tendenze stanno anche creando difficoltà per le vecchie industrie come l'estrazione mineraria e il trasporto ferroviario.


Il nichel, ad esempio, è un componente chiave delle batterie dei veicoli elettrici. Lo stesso vale per il rame, necessario per gli aggiornamenti della rete elettrica. E mentre il settore software sta diventando un attore sempre più essenziale nella produzione di automobili moderne, l'acciaio rimane un componente necessario. In effetti, negli ultimi mesi i prezzi di determinate materie prime sono saliti alle stelle, una tendenza amplificata dalla guerra tra Russia e Ucraina, i principali produttori di nichel, rame e grano.


"Le persone hanno sottovalutato quanto rame sia necessario per sostituire e modernizzare la rete elettrica man mano che la domanda aumenta", afferma Andrew Suzman, gestore di portafoglio azionario. "Aziende come la società metallurgica e mineraria canadese First Quantum Minerals, che si concentra sul rame, e la brasiliana Vale, produttore di minerale di ferro, potrebbero trarne vantaggio".


L'aumento della domanda di materie prime ed energia potrebbe anche far aumentare la domanda per le ferrovie del Nord America, che costituiscono la via più conveniente per trasportare materiali pesanti. Anche le ferrovie hanno un potenziale potere di determinazione dei prezzi, importante nell'attuale contesto inflazionistico. In genere, i prezzi si basano sul costo delle merci sottostanti che trasportano, quindi i ricavi aumentano con i prezzi delle materie prime.


Anche l'aumento dei costi del carburante si dimostra vantaggioso, poiché la differenza tra il costo del trasporto su strada e quello ferroviario è al suo massimo da anni. "Una ferrovia come la Canadian Pacific, che possiede l'unica rete tri-costiera Canada-USA-Messico, potrebbe ottenere una buona performance in una varietà di circostanze economiche", aggiunge Suzman.


Le ferrovie statunitensi hanno margine per aumentare i prezzi in un contesto di boom delle materie prime

Fonte: Capital Group, Association of American Railroads, U.S. Bureau of Transportation. I dati riportati vanno da gennaio 1990 a dicembre 2018. La categoria ferroviaria si riferisce alla prima classe o ai vettori che hanno ricavi oltre i $ 505 milioni all'anno. Il prezzo per tonnellata-miglio si riferisce al prezzo applicato per il trasporto di una tonnellata di merci per un miglio.

Il settore industriale aiuta a potenziare un futuro ad alta efficienza energetica


La spinta globale alla riduzione delle emissioni di carbonio e al miglioramento dell'efficienza energetica è spesso associata a veicoli elettrici o servizi che sfruttano l'energia solare ed eolica. A prima vista, le aziende industriali tradizionali che fabbricano macchinari, prodotti chimici e altri materiali da costruzione potrebbero essere considerate parte del problema e non la soluzione.


Ma le società HVAC come Carrier e Daikin stanno sviluppando sistemi di condizionamento e riscaldamento che potrebbero contribuire a ridurre le emissioni globali di gas serra. Le normative europee e di altri paesi che richiedono la sostituzione dei sistemi più vecchi con prodotti più efficienti dal punto di vista energetico potrebbero spingere entrambe le aziende a cogliere opportunità a lungo termine.


Secondo Knowles, una maggiore regolamentazione delle emissioni di carbonio e una spesa infrastrutturale nelle principali economie potrebbero anche fornire fondi per il produttore svizzero di prodotti chimici speciali Sika. "L'azienda produce additivi per cemento in grado di ridurre le emissioni di carbonio e aumentare la resistenza", afferma Knowles. "Può sembrare un'attività noiosa, ma il suo potenziale di crescita è piuttosto convincente con la stretta degli standard globali sulle emissioni".


L'inasprimento delle normative sulle emissioni sta generando opportunità per determinati settori industriali

Fonti: Capital Group, relazioni aziendali, Refinitiv Datastream. Le capitalizzazioni di mercato della società sono in USD a partire dal 31/03/2022.

I "dollar store" statunitensi sono un tesoro per i cacciatori di occasioni


Quando le condizioni economiche diventano difficili, i consumatori possono naturalmente diventare più attenti alla spesa. Molti acquirenti iniziano a fare spese presso commercianti di prodotti scontati, noti come "treasure hunt retailer". Questi negozi offrono abbigliamento, articoli per la cura personale e prodotti per la casa a prezzi relativamente bassi, oltre ad alcuni prodotti di qualità superiore a prezzi convenienti.


"In un contesto economico in rallentamento, molte persone passeranno ai 'dollar store' (i negozi 'tutto a un dollaro')", afferma Diana Wagner, gestore di portafoglio. "Tali attività hanno resistito bene nelle recessioni passate".


I treasure hunt retailer hanno superato il mercato durante le recessioni

Fonte: Capital Group, National Bureau of Economic Research, Refinitiv Datastream, Standard & Poor's. I periodi di riferimento per le recessioni vanno da marzo 2001 a ottobre 2001, da dicembre 2007 a maggio 2009 e da febbraio 2020 a marzo 2020. La categoria dei servizi al consumo si riferisce all'Indice S&P 500 Consumer Discretionary.

Ciò che potrebbe essere meno intuitivo è che i treasure hunt retailer ben gestiti spesso hanno un potenziale di determinazione dei prezzi quando l'inflazione è in aumento.


Ad esempio, Dollar Tree, che offre un'ampia varietà di articoli a 1 dollaro, ha recentemente lanciato la strategia "breaking the buck" (lett. "rompere il dollaro"). L'azienda inizialmente offriva una categoria di beni a $ 5, seguita da una categoria a $ 1,25. "Questo stesso approccio ha aiutato altri treasure hunt retailer a generare una forte crescita delle vendite same-store e di espansione dei margini per diversi anni", afferma Wagner.


Un cambiamento degli alti dirigenti dell'azienda potrebbe rivelarsi un'ulteriore spinta. "Dollar Tree ha avuto una gestione scarsa rispetto al suo concorrente Dollar General", osserva Wagner. "Ma recentemente Rick Dreiling, ex CEO di Dollar General, è stato nominato presidente di Dollar Tree. Penso che questo potrebbe essere un punto di svolta importante per l'azienda.


"Nel contesto attuale, cerco aziende in grado di migliorare le loro attività e far sì che la loro crescita avvenga indipendentemente da ciò che fa l'economia", spiega Wagner. "Dollar Tree potrebbe rappresentare una di queste storie di auto-sufficienza".


In conclusione


Gli investitori potrebbero chiedersi se la trasformazione digitale abbia fatto il suo corso. "Per niente", afferma Knowles. "Le principali aziende di piattaforme digitali, software cloud e tecnologie per veicoli autonomi continuano a ridefinire il nostro modo di lavorare, vivere e fare acquisti. Tuttavia, molte di queste aziende potrebbero aver agito prematuramente".


Con l'aumento dell'inflazione e un potenziale di guadagno ancora distante alcuni anni per alcune di queste aziende, le valutazioni possono essere estese. "Le principali aziende tecnologiche sembrano sempre promettenti nel lungo termine", afferma Knowles. "Ma in questo contesto, sto spostando la mia attenzione verso le aziende che effettivamente agiscono e tendono a restare attive in tutti i tipi di mercato".



Jonathan Knowles è un gestore di portafoglio azionario con 27 anni di esperienza nel campo degli investimenti. Ha conseguito un MBA presso l'INSEAD, in Francia, un dottorato di ricerca in immunovirologia e una laurea in scienze veterinarie presso l'Università di Liverpool, Regno Unito.

Andrew Suzman è un gestore di portafoglio azionario con 25 anni di esperienza nel settore degli investimenti. Ha conseguito un MBA ad Harvard e una laurea in economia politica presso l'Università di Tulane.

Diana Wagner è un gestore di portafoglio azionario con 23 anni di esperienza nel settore degli investimenti. Ha conseguito un MBA presso la Columbia Business School e una laurea in storia dell'arte presso l'Università di Yale.

 


Investire al di fuori degli Stati Uniti comporta rischi, come fluttuazioni valutarie, periodi di illiquidità e volatilità dei prezzi, descritti in maggior dettaglio nel prospetto. Questi possono essere amplificati se collegati a investimenti nei paesi in via di sviluppo.

 

L'Indice S&P 500 è un indice ponderato per la capitalizzazione di mercato basato sui risultati di circa 500 azioni ordinarie ampiamente detenute.

 

L'Indice S&P 500 ("Indice") è un prodotto di S&P Dow Jones Indices LLC e/o delle sue affiliate ed è stato concesso in licenza per l'uso a Capital Group. Copyright © 2022 S&P Dow Jones Indices LLC, una divisione di S&P Global, e/o delle sue affiliate. Tutti i diritti riservati. La sua redistribuzione o la riproduzione totale o parziale sono vietate senza l'autorizzazione scritta di S&P Dow Jones Indices LLC.

 

I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri. Il valore degli investimenti e del relativo reddito può aumentare come diminuire e l’investitore potrebbe perdere in parte o per intero l’importo dell’investimento iniziale. Le presenti informazioni non intendono fornire consulenza fiscale, per gli investimenti o di altra natura, né essere una sollecitazione all'acquisto o alla vendita di titoli.

Le dichiarazioni espresse da un singolo individuo rappresentano l’opinione di tale persona alla data di pubblicazione e non coincidono necessariamente con le opinioni di Capital Group o delle sue affiliate. Salvo diversamente indicato, tutte le informazioni si intendono alla data riportata. Alcune informazioni potrebbero provenire da terze parti e, di conseguenza, l'affidabilità di tali informazioni non è garantita.