Capital IdeasTM

Approfondimenti di Capital Group

Categories
Volatilità di mercato
I prezzi delle materie prime sospingono la differenziazione del debito dei paesi ME
Kirstie Spence
Gestore di portafoglio a reddito fisso
CONSIDERAZIONI PRINCIPALI
  • L'aumento dei prezzi delle materie prime è un canale chiave attraverso il quale il conflitto in Russia/Ucraina potrebbe influenzare il resto dei mercati emergenti (ME). Se gli aumenti dei prezzi delle materie prime saranno consistenti, è probabile che sosterranno i saldi esterni degli esportatori di materie prime ME, ma potrebbe pesare sugli esportatori del manifatturiero.
  • Gli esportatori di materie prime dell'America Latina dovrebbero trarre i maggiori benefici dallo shock dei prezzi delle materie prime, mentre i paesi dell'Europa centrale/orientale e la Turchia potrebbero soffrirne maggiormente. 
  • In passato, i tassi di cambio ME (FX) hanno tendenzialmente mostrato una correlazione positiva con i prezzi delle materie prime, anche se questa correlazione sembra ora essersi invertita, probabilmente riflettendo uno shock trainato dall'offerta piuttosto che un aumento dei prezzi sospinto dalla domanda.

Il picco dei prezzi delle materie prime


Un probabile canale chiave di contagio per i mercati del reddito fisso al di fuori della Russia e dell'Ucraina è rappresentato dai prezzi delle materie prime. La Russia è il maggiore esportatore di gas naturale e il secondo maggior esportatore di greggio e prodotti petroliferi. Gli Stati Uniti hanno ora vietato le importazioni di petrolio dalla Russia e il Regno Unito ha dichiarato che le eliminerà gradualmente entro la fine dell'anno. Di conseguenza, i prezzi del Brent hanno superato per la prima volta i 110 dollari al barile dal 20141. Sia la Russia che l'Ucraina sono importanti esportatori di materie prime alimentari e dal momento che la Russia e l'Ucraina esportano circa il 30% del grano mondiale, i prezzi del grano sono ai livelli più alti dell'ultimo decennio. La Russia è inoltre un importante esportatore di nichel, palladio e titanio. In questo articolo, esaminiamo come l'aumento dei prezzi delle materie prime potrebbe influenzare il mercato del debito dei paesi ME. 


L'impatto macroeconomico di uno shock sui prezzi delle materie prime trainato dall'offerta


1. Crescita economica: un'offerta più ristretta di materie prime rischia di esacerbare le strozzature delle filiere nell'economia globale, mentre un calo del reddito reale (inizialmente a partire dai consumi privati a causa dei prezzi più elevati e di un ritardo negli scambi come secondo shock in ambito reddituale) avrà un impatto sulla spesa dei consumatori sul fronte della domanda. Entrambi gli effetti avranno un impatto negativo sulla crescita economica. Per gli esportatori netti di petrolio accade il contrario quando aumenta il valore delle esportazioni, facendo aumentare i profitti e i salari per la loro economia. Nei paesi in cui i prezzi interni del petrolio sono fortemente agevolati, un aumento dei prezzi internazionali del petrolio avrà probabilmente un effetto limitato sulla domanda o sull'offerta.


2. Inflazione: l'impatto diretto sull'inflazione dipende dalla quota delle materie prime nel paniere dei prezzi al consumo. I paesi ME hanno generalmente una quota maggiore di prodotti alimentari ed energia nei loro panieri IPC. Ad esempio, prodotti alimentari ed energia costituiscono quasi il 60% del paniere IPC in India, rispetto al 22% negli Stati Uniti e al 32% nell'area dell'euro2. Un altro fattore è rappresentato dall'intervento governativo. Molti dei principali esportatori di petrolio (come l'Arabia Saudita e il Kuwait) sovvenzionano o regolano i prezzi del carburante e, pertanto, i prezzi più elevati delle materie prime potrebbero non riflettersi in modo così deciso sull'inflazione.


3. Saldo di bilancio: per gli importatori, prezzi delle materie prime più elevati possono portare a un deterioramento del bilancio se i governi introducono agevolazioni dei prezzi delle materie prime, come in Indonesia. Per gli esportatori, un aumento dei prezzi delle materie prime favorirà il saldo di bilancio. Molti esportatori ME hanno prezzi di pareggio nettamente inferiori3 per il petrolio rispetto ai prezzi attuali. Così, ad esempio, per il Qatar è sufficiente un prezzo del petrolio di 44 dollari per raggiungere il pareggio, mentre l'Arabia Saudita necessita di un valore di 67 dollari4.


4. Saldo delle partite correnti: gli esportatori di materie prime dovrebbero vedere un miglioramento del saldo delle partite correnti grazie a migliori ragioni di scambio. Il grafico seguente mostra l'esposizione netta alle materie prime per paese in percentuale del PIL. In base al grafico, Russia, Cile, Malesia, Sudafrica e Brasile sono i maggiori beneficiari dei prezzi più elevati delle materie prime, anche se variano a seconda del tipo di materia prima a cui sono esposti.


 


1. Fonte: IEA, Global EV Outlook 2021.


2. Dati a gennaio 2022. Fonte: Inside EVs.


3. Il prezzo che permetterebbe di equilibrare il bilancio


4. Fonte: IIF. Prezzi di pareggio per i budget 2022. Al 12 ottobre 2021. 


Fattori di rischio da considerare prima dell'investimento:

  • il presente materiale non è inteso come consulenza per gli investimenti, né come raccomandazione personale.
  • Il valore degli investimenti e del relativo reddito può aumentare come diminuire e l'investitore potrebbe perdere in parte o per intero l'importo dell'investimento iniziale.
  • I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri.
  • Se la valuta nella quale si investe guadagna terreno sulla valuta nella quale vengono effettuati gli investimenti sottostanti del fondo, il valore dell'investimento diminuisce. La copertura valutaria cerca di limitare tale effetto, ma non vi è alcuna garanzia che la copertura avrà successo.
  • In base alla strategia, i rischi possono essere associati a investimenti in reddito fisso, nei mercati emergenti e/o titoli ad alto rendimento; i mercati emergenti sono volatili e possono essere penalizzati da problemi di liquidità.


Kirstie Spence è un gestore di portafoglio a reddito fisso specializzato nel debito dei mercati emergenti. Ha 23 anni di esperienza negli investimenti e ha conseguito un master con lode in tedesco e relazioni internazionali presso l'Università di St. Andrews, in Scozia.


 

I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri. Il valore degli investimenti e del relativo reddito può aumentare come diminuire e l’investitore potrebbe perdere in parte o per intero l’importo dell’investimento iniziale. Le presenti informazioni non intendono fornire consulenza fiscale, per gli investimenti o di altra natura, né essere una sollecitazione all'acquisto o alla vendita di titoli.

Le dichiarazioni espresse da un singolo individuo rappresentano l’opinione di tale persona alla data di pubblicazione e non coincidono necessariamente con le opinioni di Capital Group o delle sue affiliate. Salvo diversamente indicato, tutte le informazioni si intendono alla data riportata. Alcune informazioni potrebbero provenire da terze parti e, di conseguenza, l'affidabilità di tali informazioni non è garantita.