Capital IdeasTM

Approfondimenti di Capital Group

Categories
Reddito fisso
Una prospettiva più costruttiva per le obbligazioni societarie, ma è ancora giustificata la prudenza
Flavio Carpenzano
Investment Director
Peter Becker
Direttore degli investimenti

È stato un inizio anno difficile per le obbligazioni societarie investment grade, che hanno registrato un rendimento del -16,1% da inizio anno1. Con l'inflazione balzata ai livelli più alti osservati negli ultimi decenni nei mercati sviluppati, le principali banche centrali sono diventate sempre più aggressive nei loro tentativi di controllarla, rimuovendo gradualmente le misure di stimolo e aumentando i tassi di interesse. Ciò ha determinato il sell-off delle obbligazioni sensibili ai tassi di interesse, come le obbligazioni societarie investment grade. Il conflitto Russia-Ucraina ha contribuito anch'esso a creare un contesto macroeconomico complessivamente molto volatile. A seguito della drastica rivalutazione, tuttavia, ora esiste probabilmente un punto di ingresso molto più interessante per gli investitori nelle obbligazioni societarie investment grade.


Valutazioni più interessanti potrebbero rappresentare un buon punto di ingresso per gli investitori

Rendimenti e spread investment grade globali

Dati al 15 giugno 2022. L'Indice utilizzato è il Bloomberg Global Aggregate Corporate Bond. Lo yield-to-worst è il rendimento più basso possibile in un determinato periodo di tempo che può essere ricevuto su un'obbligazione che opera pienamente entro i termini del suo contratto senza inadempienza. Lo spread corretto per le opzioni è lo spread che tiene conto dell'opzionalità incorporata di alcune obbligazioni. Fonte: Bloomberg

Anche le società rimangono generalmente in buone condizioni dal punto di vista dei fondamentali. Continuano a mostrare ricavi e margini di profitto solidi nonostante un contesto di maggiore inflazione e di rallentamento della crescita.


I rendimenti hanno raggiunto livelli che non si vedevano da più di 10 anni, sebbene ciò sia stato principalmente determinato dall'aumento dei tassi di interesse piuttosto che dagli spread, che rappresentano la rischiosità creditizia percepita delle obbligazioni. A questi rendimenti più elevati, gli investitori hanno ora il potenziale per guadagnare più reddito dalle obbligazioni in futuro. Un reddito più elevato può inoltre offrire una protezione maggiore per i rendimenti totali nel tempo, anche se le oscillazioni dei prezzi rimangono volatili.


Inoltre, in un arco di tempo più lungo, il rendimento di un'obbligazione si è rivelato una buona approssimazione del rendimento totale che si potrebbe conseguire. Pertanto, a questi livelli, i dati storici suggerirebbero rendimenti totali potenzialmente più elevati nei prossimi anni. Il grafico seguente mostra il rendimento prospettico medio a 2 e 5 anni (percentuale annua) ottenuto in corrispondenza del rendimento iniziale al 15 giugno 2022. Il rendimento totale di un'obbligazione è la funzione delle variazioni di prezzo e degli interessi pagati; maggiore è il rendimento iniziale di un'obbligazione, più è ammortizzata dall'aumento dei tassi di interesse. Tuttavia, la strada lungo il percorso potrebbe rivelarsi un po' accidentata.


Rendimenti iniziali più elevati hanno incrementato i rendimenti in passato

Rendimenti medi prospettici (% annua) a livelli di rendimento recenti

Rendimenti al 15 giugno 2022. Rendimenti al 31 maggio 2022 in dollari USA. I dati risalgono al 2000 per tutti i settori, ad eccezione dei mercati emergenti, per cui risalgono al 2003. Basato sui rendimenti medi mensili per ogni settore con yield to worst compreso in un intervallo di +/- 0,30%. Gli indici utilizzati (da sinistra a destra) sono il Bloomberg Global Aggregate Corporate, il Bloomberg Global High Yield e l'Indice composito 50% JPMorgan EMBI Global Diversified / 50% JPMorgan GBI-EM Global Diversified. Alto rendimento: obbligazioni di qualità inferiore con rating BB o inferiore. Fonti: Capital Group, Bloomberg, JPMorgan

L'attuale contesto macroeconomico, tuttavia, rimane estremamente volatile ed è ancora giustificato un atteggiamento complessivamente prudente e leggermente difensivo. Un'attenta selezione delle società e dei settori rimane fondamentale.


1. Al 15 giugno 2022 in USD. L'Indice utilizzato è il Bloomberg Global Aggregate Corporate. Investment grade: obbligazioni di qualità superiore con rating BBB o superiore. Fonti: Barclays, Bloomberg


 



Flavio Carpenzano è responsabile degli investimenti a reddito fisso in Capital Group. Ha maturato 17 anni di esperienza nel campo degli investimenti e lavora da un anno in Capital Group. Ha conseguito un master in economia e finanza presso l'Università Bocconi. Opera dalla sede di Londra. 

Peter Becker è un direttore degli investimenti di Capital Group. Ha 23 anni di esperienza nel settore ed è con Capital Group da un anno. Prima di entrare in Capital, Peter è stato amministratore delegato nel team di gestione dei prodotti a reddito fisso di Wellington Management. Prima ancora, è stato gestore di portafoglio presso Aberdeen Asset Management. Ha conseguito un master presso la Ingolstadt School of Management. Ha anche ottenuto la designazione di Chartered Financial Analyst®. Peter risiede a Londra.


 

I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri. Il valore degli investimenti e del relativo reddito può aumentare come diminuire e l’investitore potrebbe perdere in parte o per intero l’importo dell’investimento iniziale. Le presenti informazioni non intendono fornire consulenza fiscale, per gli investimenti o di altra natura, né essere una sollecitazione all'acquisto o alla vendita di titoli.

Le dichiarazioni espresse da un singolo individuo rappresentano l’opinione di tale persona alla data di pubblicazione e non coincidono necessariamente con le opinioni di Capital Group o delle sue affiliate. Salvo diversamente indicato, tutte le informazioni si intendono alla data riportata. Alcune informazioni potrebbero provenire da terze parti e, di conseguenza, l'affidabilità di tali informazioni non è garantita.