Capital IdeasTM

Approfondimenti di Capital Group

Categories
Reddito fisso
Un atteggiamento accomodante della Fed potrebbe sbloccare delle opportunità, da considerare sempre con una certa cautela

Le obbligazioni dei mercati emergenti (ME) hanno messo a segno ottimi risultati nel quarto trimestre a fronte dei toni più accomodanti assunti dalla Federal Reserve (Fed) sulla scia dell’indebolimento dei dati economici. I mercati del rischio hanno registrato un rally a seguito delle aspettative di un'anticipazione dei tagli dei tassi nel 2024. Le obbligazioni dei mercati emergenti denominate in valute forti e locali hanno ampiamente beneficiato in tutte le regioni e gruppi di rating della svolta nel sentiment del mercato.


Gli investitori hanno ampiamente scontato gli scenari di recessione

Nel periodo in esame, gli emittenti in valuta forte a rendimento più elevato hanno sovraperformato le controparti con rating investment grade. Gli emittenti high yield africani hanno registrato alcuni dei guadagni più consistenti in quanto gli investitori hanno preferito il differenziale di rendimento aggiuntivo di queste emissioni nonostante il loro elevato rischio di default.


Tra le obbligazioni sovrane dei mercati emergenti denominate in valuta locale, gli emittenti latino-americani ed europei hanno trainato i risultati complessivi grazie alla combinazione di prezzo e apprezzamento delle valute. I differenziali di tasso tra alcuni di questi emittenti e i Treasury USA sono rimasti interessanti nonostante il recente cambio di rotta verso il taglio dei tassi da parte di diverse banche centrali dell'America Latina e dei paesi periferici europei.


In prospettiva futura, la svolta accomodante piuttosto inattesa della Fed a fine 2023 dovrebbe consentire lo sviluppo di un contesto ragionevolmente ottimista per il debito dei mercati emergenti nel 2024. Una Fed più accomodante dovrebbe consentire a molte banche centrali dei mercati emergenti di intervenire sulla politica monetaria in una direzione che rifletta meglio le proprie prospettive interne. Nella maggior parte delle economie dei principali mercati emergenti, l'inflazione dovrebbe scendere per tutto il 2024, consentendo un calo dei tassi di riferimento. 


Nella maggior parte dei mercati emergenti l'inflazione potrebbe continuare a calare nel 2024

Gli investitori hanno ampiamente scontato gli scenari di recessione

Al 31 dicembre 2023. Indice: Indice JPMorgan GBI-EM Global Diversified, escluse Argentina e Turchia. YoY: su base annua. Fonte: JPMorgan

Il calo dei tassi d'interesse nei mercati emergenti dovrebbe dare forte slancio alla duration per i titolari di obbligazioni in valuta locale. A tal fine, siamo favorevoli al mantenimento di posizioni di duration in valuta locale nella maggior parte dei paesi poiché le pressioni inflazionistiche continuano a diminuire e le politiche monetarie si fanno sempre più accomodanti. Molti di questi paesi si trovano in America Latina, tra cui Brasile e Messico, ma stiamo rilevando alcune interessanti opportunità anche in Asia e Africa. Rimaniamo più cauti nell'Europa centrale, dove i cicli di allentamento aggressivo sembrano ampiamente scontati nelle obbligazioni.


Tra gli emittenti di debito in valuta forte dei mercati emergenti, l'orientamento accomodante della Fed dovrebbe consentire di ridurre parte delle pressioni sui finanziamenti esteri per le economie di frontiera con rating inferiore. Continuiamo a individuare opportunità di valore in un numero limitato di queste obbligazioni, laddove i rendimenti elevati e gli spread ragionevolmente ampi forniscono una protezione contro la probabile volatilità e l'elevato rischio di default.


Giudichiamo positivamente anche alcuni emittenti societari dei mercati emergenti i cui fondamentali sono generalmente buoni. La rappresentazione geografica e la struttura del rischio delle società dei mercati emergenti sono alquanto diverse dai titoli sovrani e contribuiscono a fornire un elemento di diversificazione.


Nel complesso, le prospettive per il debito dei mercati emergenti migliorerebbero se la Fed attuasse un allentamento monetario anticipato e più aggressivo rispetto a quanto inizialmente previsto dai mercati. Fatte queste premesse, occorre procedere comunque con una certa cautela poiché nonostante tutto per i mercati emergenti esiste ancora la possibilità di dover affrontare un indebolimento della crescita globale, la persistente incertezza geopolitica e un anno impegnativo sul fronte elettorale a livello globale. 



Ricevi aggiornamenti dal nostro team di investimento.

Iscriviti subito per ricevere ogni due settimane nella tua casella di posta in arrivo le informazioni più importanti del settore e gli articoli puntuali.

Inviando le informazioni confermi di voler ricevere comunicazioni e-mail da parte di Capital Group. Tutte le e-mail prevedono la possibilità di cancellare la tua registrazione. Ulteriori informazioni sono disponibily sulla Informativa sulla Privacy

I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri. Il valore degli investimenti e del relativo reddito può aumentare come diminuire e l’investitore potrebbe perdere in parte o per intero l’importo dell’investimento iniziale. Le presenti informazioni non intendono fornire consulenza fiscale, per gli investimenti o di altra natura, né essere una sollecitazione all'acquisto o alla vendita di titoli.

Le dichiarazioni espresse da un singolo individuo rappresentano l’opinione di tale persona alla data di pubblicazione e non coincidono necessariamente con le opinioni di Capital Group o delle sue affiliate. Salvo diversamente indicato, tutte le informazioni si intendono alla data riportata. Alcune informazioni potrebbero provenire da terze parti e, di conseguenza, l'affidabilità di tali informazioni non è garantita.