Capital IdeasTM

Approfondimenti di Capital Group

Categories
Reddito fisso
Quick take: l'India sarà inclusa nell'indice obbligazionario
Kirstie Spence
Gestore di portafoglio a reddito fisso
CONSIDERAZIONI PRINCIPALI
  • JPMorgan ha confermato che l'India sarà inclusa nella serie di indici GBI-EM a fine giugno 2024 e che raggiungerà la ponderazione massima del 10% nell'indice GBI-EM GD entro marzo 2025
  • I potenziali flussi in entrata stimati, derivanti da flussi sia passivi che attivi, si attestano intorno a 20-40 miliardi di dollari USA
  • L'inclusione dell'India nell'indice GBI EM GD determinerà una riduzione delle ponderazioni di Thailandia, Polonia, Sudafrica e Repubblica Ceca all'interno dell'indice 

Venerdì JPMorgan ha reso noto che i Titoli di Stato Indiani (TSI) saranno inclusi nella serie di indici GBI-EM di JP Morgan1, compreso l'indice GBI-EM (emerging market) Global Diversified, ampiamente utilizzato. Si inizierà con una ponderazione dell'1% a giugno 2024, con un successivo graduale incremento fino a una ponderazione massima del 10% entro marzo 2025.


Il mercato dei TSI è il secondo mercato obbligazionario dei ME per dimensioni (dopo la Cina) e l'India è l'unico Paese ad avere un rating investment grade senza essere incluso in uno dei principali indici obbligazionari. JPMorgan ha inserito i TSI in una watch list nel 2021, in vista di un loro eventuale inserimento, a seguito dell'introduzione del programma indiano FAR (Foreign Accessible Route)2 nel 2020.  Finora, l'ostacolo all'inclusione era legato al sistema fiscale del Paese; tuttavia, l'inserimento sembra essere avvenuto in assenza di un impegno da parte dell'India per modificarlo. Attualmente, 23 TSI, con un valore nozionale complessivo di 330 miliardi di dollari USA, sono idonei all'inclusione nell'indice e consentirebbero all'India di raggiungere una ponderazione del 10% all'interno dello stesso3.


Conseguenze dell'inclusione per l'India e per il resto dei ME


Nonostante l'ammontare e la liquidità dei TSI, gli investimenti stranieri in titoli di Stato risultano tra i più bassi nei ME4 e potrebbero potenzialmente offrire una significativa opportunità di aumento nei prossimi anni. Secondo le stime di Goldman Sachs, l'inserimento dell'India potrebbe determinare flussi in entrata passivi di circa 30 miliardi di dollari USA e flussi attivi per altri 10 miliardi di dollari USA, considerando i rendimenti nominali relativamente elevati dei TSI, pari al 7% circa, a fronte di una volatilità relativamente contenuta5.


Tali flussi in entrata dovrebbero determinare una diminuzione dei rendimenti dei TSI e un rafforzamento della valuta, anche se vi sono alcuni potenziali ostacoli, come l'aumento del prezzo del petrolio e il divieto di esportazione del riso indiano. Nel medio termine, i flussi in entrata dovrebbero contribuire a finanziare il deficit delle partite correnti e fiscale del Paese, mentre la diversificazione della base di investitori dovrebbe estendere ed ampliare il mercato obbligazionario e potrebbe potenzialmente ridurre i costi di finanziamento del debito pubblico, senza alcun rischio di crowding out per il governo. Più a lungo termine, possiamo attenderci una diminuzione del costo del capitale, che contribuirebbe a finanziare maggiori investimenti e potenzialmente una maggiore crescita economica.


Quando l'India raggiungerà la ponderazione del 10%, probabilmente l'Asia arriverà a rappresentare poco meno del 50% dell'indice GBI-EM Global Diversified. Secondo JPMorgan, Cina e Indonesia dovrebbero mantenere le rispettive ponderazioni del 10% all'interno dell'indice, mentre Messico, Malesia e Brasile dovrebbero scendere sotto tale soglia. I principali ridimensionamenti includono Thailandia, Sudafrica, Polonia e Repubblica Ceca.  Nel contempo, l'inserimento dell'India nell'indice GBI-EM Diversified determinerebbe un aumento dei rendimenti dell'indice di 8 pb (e di 33 pb per l'indice GBI-EM Global) e della duration di 0,24 anni, al completamento di questo straordinario processo6.


Investire in TSI


Come gestore attivo, Capital Group investe in TSI da oltre dieci anni. L'India ha e continua a essere un mercato obbligazionario interessante per la nostra società, considerando le dimensioni del mercato obbligazionario e i progressi economici compiuti in generale dal Paese. Più recentemente, l'inflazione è diminuita, riavvicinandosi al target, e il governo si è progressivamente orientato verso il consolidamento fiscale.  Oltre a offrire rendimenti interessanti in fasi diverse del ciclo economico indiano, il nostro posizionamento nei TSI ha contribuito alla diversificazione e alla riduzione della volatilità.


Generalmente, l'elevata percentuale di investitori domestici ha determinato una diminuzione della volatilità, a fronte di una minore esposizione del mercato alle variazioni dei flussi di capitale internazionali. La composizione degli investitori stranieri ha inoltre influenzato le caratteristiche di rendimento e rischio di mercato. All'interno della minore componente di obbligazionisti stranieri complessiva, c'è stata una percentuale più elevata di investitori non dedicati al debito dei ME rispetto agli investitori dedicati al debito dei ME. Ciò ha costituito un fattore di diversificazione efficace nell'ambito della nostra strategia sul debito in valuta locale.


Alcuni di questi fattori tecnici probabilmente cambieranno a seguito dell'inclusione dell'India; tuttavia, le ampie capacità di ricerca di Capital Group ci consentiranno di continuare a offrire agli investitori soluzioni efficaci per affrontare tali condizioni di mercato dinamiche e l'opportunità di conseguire rendimenti in modo più efficiente, cogliendo le opportunità create dall'inserimento dell'India nell'indice.


1. JP Morgan Global Bond Index – Emerging Markets.


2. Il Foreign Accessible Route consente agli investitori stranieri di investire in titoli di Stato indiani senza alcuna restrizione


3. Fonte: Capital Group. Dati al 22 settembre.


4. I possessori stranieri di TSI rappresentano l'1,85%. Fonte: Morgan Stanley. Dati al 22 settembre 2023.


5. Fonte: Goldman Sachs. Dati al 22 settembre 2023. 


6. Fonte: JPMorgan. Dati al 21 settembre 2023.



Kirstie Spence è gestore di portafoglio a reddito fisso in Capital Group. Ha maturato 25 anni di esperienza nel campo degli investimenti, tutti in Capital Group. Ha conseguito un master con lode in tedesco e relazioni internazionali presso la University of St. Andrews, in Scozia. Opera dalla sede di Londra.


Ricevi aggiornamenti dal nostro team di investimento.

Iscriviti subito per ricevere ogni due settimane nella tua casella di posta in arrivo le informazioni più importanti del settore e gli articoli puntuali.

Inviando le informazioni confermi di voler ricevere comunicazioni e-mail da parte di Capital Group. Tutte le e-mail prevedono la possibilità di cancellare la tua registrazione. Ulteriori informazioni sono disponibily sulla Informativa sulla Privacy

I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri. Il valore degli investimenti e del relativo reddito può aumentare come diminuire e l’investitore potrebbe perdere in parte o per intero l’importo dell’investimento iniziale. Le presenti informazioni non intendono fornire consulenza fiscale, per gli investimenti o di altra natura, né essere una sollecitazione all'acquisto o alla vendita di titoli.

Le dichiarazioni espresse da un singolo individuo rappresentano l’opinione di tale persona alla data di pubblicazione e non coincidono necessariamente con le opinioni di Capital Group o delle sue affiliate. Salvo diversamente indicato, tutte le informazioni si intendono alla data riportata. Alcune informazioni potrebbero provenire da terze parti e, di conseguenza, l'affidabilità di tali informazioni non è garantita.