Capital IdeasTM

Insight sugli investimenti di Capital Group

Categories
Dividendi
Meta cambia la narrazione sui dividendi nel mondo delle Big Tech
Chris Buchbinder
Gestore di portafoglio azionario
Marc Nabi
Direttore degli investimenti
Jacob Gerber
Specialista degli investimenti

La distribuzione di dividendi avviata da Meta quest’anno sembra cambiare il paradigma delle Big Tech in termini di pay out. Poco dopo, Alphabet e Salesforce hanno seguito l'esempio, annunciando la distribuzione di dividendi per la prima volta.


Da sempre gli investitori non vedono di buon occhio la distribuzione di dividendi, che interpretano come un segno di flessione delle prospettive di crescita. È stato questo il segnale che gli investitori hanno dato nel 2003, quando Microsoft ha annunciato per la prima volta la distribuzione di dividendi. Ma sembra che Meta sia riuscita a cambiare questa narrazione. Dopo l'annuncio, il titolo ha guadagnato il 23%, raccogliendo circa 200 miliardi di dollari in capitalizzazione di mercato.


L’elemento distintivo di oggi è che le società tech a più alta capitalizzazione presentano bilanci rafforzati, utili solidi, valutazioni congrue e quello che potrebbe essere l'inizio di un mega ciclo per l’IA che richiederà ingenti spese in conto capitale. In questo contesto, l'avvio della distribuzione di dividendi da parte sia di Meta che di Alphabet viene interpretato come un segno di disciplina sul capitale e fiducia nella sostenibilità degli utili.


Big Tech sulla strada della distribuzione di dividendi


Meta e Alphabet continueranno a spendere miliardi di dollari in infrastrutture per l’IA. I dividendi sono stati ottenuti grazie al taglio aggressivo dei costi e al riallineamento delle risorse operati da molti colossi del tech. Unitamente al primo dividendo in assoluto di Salesforce di 40 centesimi per azione, le distribuzioni totali di dividendi ammonteranno a circa 4,2 miliardi di dollari su base trimestrale.  


Cresce la quota di dividendi del settore tecnologico 

Il grafico delle aree sovrapposte sopra riportato mostra il valore dei contributi dei dividendi per settore all'Indice S&P 500 in miliardi di dollari statunitensi dal 1999 al 2023. Il grafico mostra i dati relativi ai seguenti settori: servizi di comunicazione, beni di consumo discrezionali, beni di consumo di base, energia, finanziari, sanitario, industria, IT, materiali, immobiliare e servizi di pubblica utilità. L'asse verticale di sinistra rappresenta i valori da zero a 650 miliardi di dollari, mentre l'asse orizzontale inferiore indica gli anni. Nel complesso, i contributi dei dividendi aumentano nella maggior parte dei settori nel tempo. A destra del grafico, un riquadro elenca i contributi dei dividendi per ciascun settore nel 2023: IT: 14,1%; beni discrezionali: 5,7%; beni di consumo di base: 13,5%; energia: 9,3%; industria: 9,2%; immobiliare: 5,4%; servizi di pubblica utilità: 5,1%; servizi di comunicazione: 4,3%; finanziari: 17,1%; sanitario: 13,4%; materiali: 3%. La tabella inserita elenca le società e i rispettivi pagamenti di dividendi in miliardi di dollari. Microsoft è in testa con $ 20,7 mld, seguita da Apple a $ 15,1 mld, Exxon Mobil a $ 14,9 mld, Kenvue a $ 14,6 mld, JPMorgan Chase a $ 13,5 mld, Johnson & Johnson a $ 11,8 mld, Chevron a $ 11,3 mld, Verizon a $ 11 mld, AbbVie a $ 10,5 mld e Pfizer a $ 9,2 mld.

Fonti: FactSet, Capital Group. Dati dal 1999 al 2023. 

Sebbene gli investitori orientati ai dividendi possano non essere entusiasti del basso dividendo di Meta di 50 centesimi per azione e di un rendimento da dividendi dello 0,4%, oltre al dividendo annuo di Alphabet di 80 centesimi e al rendimento dello 0,5%, la scala generale mostra pagamenti sostanziali: 5,1 miliardi di dollari per Meta e 10 miliardi di dollari per Alphabet. E, con ogni probabilità, i dividendi continueranno a crescere nel tempo, come è accaduto con altre società tech. I dividendi di Microsoft sono aumentati costantemente dal 2003. Apple ha avviato la distribuzione di dividendi nel 2012 e ha aumentato i propri pay out trimestrali per 12 anni consecutivi. 


Le società tech fanno tradizionalmente affidamento su piani di riacquisto di azioni, che continueranno ad essere un elemento sostanziale del quadro di allocazione complessiva del capitale. Ad esempio, Apple ha recentemente annunciato un piano record di riacquisto di azioni per 110 miliardi di dollari, mentre Meta ha autorizzato un piano da 50 miliardi di dollari. Tuttavia, un numero crescente di società tech riconosce che i dividendi possono dimostrare l'impegno del management rispetto ai rendimenti per gli azionisti. Le società sono riluttanti a tagliare i dividendi in quanto questo equivarrebbe ad inviare un segnale negativo agli investitori e spesso conduce a un calo del prezzo delle azioni. Inoltre, il dividendo è un modo con cui i giganti del tech possono potenzialmente far crescere la propria base di investitori al di là di quelli orientati alla crescita, diversificando così la propria base di azionisti.


Con l'aumento della capitalizzazione di mercato delle società tech, il settore IT rappresenta una quota maggiore dell'equazione complessiva dei dividendi per i titoli statunitensi. Le società tech si sono classificate al secondo posto in termini di contributo ai dividendi dell'indice S&P 500, dietro al settore finanziario e alle aree del mercato che tradizionalmente distribuiscono dividendi, come il settore sanitario e dei beni di consumo di base.


In particolare, 37 delle 65 società tech incluse nell'Indice S&P 500 distribuiscono un dividendo. È più della metà, il che significa inoltre che vi è spazio per queste società per incrementare ulteriormente i dividendi. Cinque titoli tra i Magnifici Sette pagano ora dividendi.


Dividendi in crescita nei vari settori, oltre alle società tech


Alla luce dell'aumento dei flussi di cassa e delle aspettative di crescita degli utili per le azioni statunitensi, la prospettiva per i distributori di dividendi migliora. Secondo i dati di S&P Dow Jones Indices, si prevede che per il 2024 l'indice S&P 500 avrà un incremento del 6% nei pagamenti, rispetto all'incremento del 5% registrato nel 2023.


Anche la curva dei prezzi dei future su dividendi è significativa, in quanto le aspettative di mercato sono aumentate a seguito degli annunci di Meta e Alphabet. L'inclinazione della curva si è irripidita e può essere utilizzata per rappresentare la crescita dei dividendi prevista nel tempo, in questo caso, per l'anno corrente.


Prospettiva migliore per i dividendi dell’Indice S&P 500 grazie al settore tecnologico 

Il grafico a linee mostra l'irripidimento della curva dei future su dividendi dell'Indice S&P 500 nell'ultimo trimestre, a seguito dell'avvio della distribuzione di dividendi da parte di Meta e Alphabet. Il grafico dei prezzi dei future su dividendi dell’Indice S&P 500 rappresenta il prezzo al quale sono distribuiti tutti i dividendi dalle società incluse nell’Indice S&P 500 in un determinato anno solare, o nel 2024 nel grafico precedente. L'indice sottostante replicato è l'indice dei punti di dividendo annuali dell’S&P 500. Il grafico ha quattro punti dati sulla duration di ciascuna curva al 30 aprile 2024 e al 29 dicembre 2023. La prima linea in blu ha un trend crescente, mentre l’ultima linea verde non è così ripida, visto che i dati sono stati compilati prima degli annunci di distribuzione dei dividendi da parte di Meta e Alphabet.

Capital Group, Bloomberg. I dati comprendono i prezzi dei future su dividendi degli ultimi 12 mesi, a 1 anno, a 2 anni e a 3 anni al 30 aprile 2024. 

Si assiste all’avvio e al ripristino della distribuzione di dividendi in molti settori. Con l'aumento a bilancio del flusso di cassa libero, molte società stanno aumentando i pay out o ripristinando la distribuzione di dividendi. Le società che operano nel settore aerospaziale, aereo e delle navi da crociera hanno conservato la liquidità durante il periodo di crollo dei viaggi causato dal COVID-19 e stanno ora riaccendendo i motori con la ripresa dei viaggi globali. 


Ryanair, ad esempio, ha annunciato il primo dividendo in assoluto nel 2023 dopo la ripresa degli utili e il miglioramento delle previsioni. Anche Booking.com ha avviato la distribuzione di dividendi non appena ha constatato la solidità degli utili e del flusso di cassa libero. Delta Air Lines ha ripreso la distribuzione di dividendi dopo la sospensione durante la pandemia. General Electric, che produce e fornisce assistenza per i motori dei jet, ha recentemente incrementato il dividendo.


I dividendi crescono a livello globale. Anche le banche europee Santander, Deutsche Bank, UniCredit e BNP Paribas hanno deciso di aumentare i dividendi nel 2024. 


Dividendi globali previsti in crescita 

Il grafico a linee illustra i tassi di crescita previsti dei dividendi per azione per tre indici del mercato azionario: MSCI Europe, MSCI USA e MSCI Japan. L'asse x elenca gli anni dal 2013 al 2026, con gli anni dal 2024 al 2026 basati sulle stime di consenso. L'asse y mostra i dividendi per azione in dollari. Dal 2021 al 2026 il grafico mostra i tassi di crescita annualizzati composti impliciti (CAGR). Per quanto riguarda la linea superiore del grafico, l'Indice MSCI Europe ha un CAGR del 5,3%. Il CAGR dell'Indice MSCI USA è del 7,4% e dell'Indice MSCI Japan del 10,6%. Tutte e tre le linee mostrano un andamento al rialzo dei dividendi nel periodo specificato.

Fonte: FactSet. Dati dal 2013 al 2023 e dal 2024 al 2026 basati sulle stime di consenso al 24 aprile 2024. CAGR = tasso di crescita annualizzato composto.

I giganti del settore energetico come ExxonMobil e Canadian Natural Resources hanno conservato una base costante di investitori in un contesto di volatilità dei prezzi del petrolio, mantenendo e aumentando i propri dividendi per oltre 20 anni. Alcune società di esplorazione e produzione hanno optato per incorporare dividendi variabili o speciali in aggiunta ai pay out di base, poiché gestiscono i livelli dei flussi di cassa alla luce delle fluttuazioni dei prezzi delle materie prime.   


In conclusione


I dividendi giovano al management in diversi modi. In primo luogo, possono ampliare la base di azionisti di una società. Avere più investitori può ridurre la volatilità dei titoli, agevolando gli investitori in titoli growth e da reddito da dividendi. In secondo luogo, molti dipendenti di società tech e innovative ricevono azioni societarie quale compenso. Di conseguenza, il dividendo può essere considerato come un aumento indiretto della retribuzione e sollevare il morale dei dipendenti.


Negli ultimi 12 mesi, abbiamo notato che il mercato azionario statunitense si è ampliato, divenendo ora molto più di un semplice insieme di titoli altamente concentrato, e che le società che tradizionalmente distribuiscono dividendi hanno riscontrato maggiore interesse. I titoli azionari che distribuiscono dividendi dimostrano una migliore crescita degli utili e possono superare la volatilità di mercato unitamente a tassi di interesse elevati.


È possibile che le società che distribuiscono dividendi siano soggette a re-rating della valutazione. Il rapporto P/E dei titoli ad alto dividendo rispetto all'Indice S&P 500 è rimasto arretrato, sebbene stia gradualmente migliorando.


Opportunità per le società che distribuiscono dividendi 

Il grafico a linee illustra la crescente popolarità dei titoli con dividendi elevati rispetto al mercato nel suo complesso. L'asse x mostra una linea temporale dal 1980 al 2022. L'asse verticale mostra la differenza percentuale dei rapporti prezzo/utili (P/E) tra negativo 40 e 5. Una linea blu traccia la differenza dei rapporti P/E tra i titoli dell'Indice S&P 500 con i rendimenti da dividendo più elevati rispetto all'indice più ampio. La linea oscilla in modo significativo. Si verificano cali significativi al di sotto di una linea orizzontale tratteggiata, che rappresenta una differenza media del rapporto P/E pari al -12,9%. I cali suggeriscono i momenti in cui l'Indice S&P 500 più ampio è stato preferito alle società che distribuiscono dividendi. I cali maggiori si verificano intorno al 1999 e al 2020.

Fonte: Goldman Sachs. Dati al 31 marzo 2024. Rapporto P/E = rapporto prezzo/utili. I risultati passati non sono una previsione dei risultati futuri. Questo grafico esamina il P/E multiplo della coorte di titoli inclusi nell'Indice S&P 500 con il rendimento da dividendo quintile più elevato (neutrale a livello settoriale) rispetto all'indice S&P 500 più ampio.

Se alla fine la Federal Reserve tagliasse i tassi di interesse, questo potrebbe anche essere un catalizzatore per i titoli che corrispondono dividendi con rendimenti più elevati. Sebbene una quota consistente dei quasi 6 trilioni di dollari di liquidità collocati in attività collaterali possa spostarsi verso il reddito fisso, il calo dei tassi di interesse associato a un contesto economico più resiliente potrebbe aumentare la domanda per questi titoli da parte degli investitori. 



Chris Buchbinder è gestore di portafoglio azionario con 28 anni di esperienza nel campo degli investimenti (al 31/12/2023). Ha conseguito una laurea in economia e relazioni internazionali presso la Brown University.

Marc Nabi è un direttore degli investimenti con 31 anni di esperienza nel campo degli investimenti. Ha conseguito un MBA in finanza presso la New York University e una laurea in contabilità presso l'Università del Michigan.

 

Jacob M. Gerber è direttore degli investimenti azionari e multi-asset di Capital Group. Ha maturato 22 anni di esperienza nel settore degli investimenti, sempre con Capital Group. All'inizio della sua carriera in Capital, Gerber è stato gestore del dipartimento di analisi dei risultati. Ha conseguito la laurea in biologia presso la University of California, Los Angeles. Opera dalla sede di Los Angeles.


Ricevi aggiornamenti dal nostro team di investimento.

Iscriviti subito per ricevere ogni due settimane nella tua casella di posta in arrivo le informazioni più importanti del settore e gli articoli puntuali.

Inviando le informazioni confermi di voler ricevere comunicazioni e-mail da parte di Capital Group. Tutte le e-mail prevedono la possibilità di cancellare la tua registrazione. Ulteriori informazioni sono disponibily sulla Informativa sulla Privacy

Past results are not a guarantee of future results. The value of investments and income from them can go down as well as up and you may lose some or all of your initial investment. This information is not intended to provide investment, tax or other advice, or to be a solicitation to buy or sell any securities.

Statements attributed to an individual represent the opinions of that individual as of the date published and do not necessarily reflect the opinions of Capital Group or its affiliates. All information is as at the date indicated unless otherwise stated. Some information may have been obtained from third parties, and as such the reliability of that information is not guaranteed.

Capital Group manages equity assets through three investment groups. These groups make investment and proxy voting decisions independently. Fixed income investment professionals provide fixed income research and investment management across the Capital organization; however, for securities with equity characteristics, they act solely on behalf of one of the three equity investment groups.