Capital IdeasTM

Insight sugli investimenti di Capital Group

Categories
Elezioni
Tre errori commessi dagli investitori durante gli anni elettorali
Rob Lovelace
Vice Chairman e President di Capital Group
Darrell Spence
Economista

Investire durante l'anno delle elezioni negli Stati Uniti può mettere a dura prova i nervi e il 2024 ha tutte le premesse di non essere diverso. La politica può generare forti emozioni e pregiudizi ma è opportuno che gli investitori li mettano da parte quando prendono decisioni di investimento.


Benjamin Graham, considerato il primo economista ad aver sviluppato la teoria del value investing, notò che "nel breve termine il mercato è una macchina da voto, ma nel lungo termine è una pesa". Anche se non parlava esplicitamente dell'interconnessione tra elezioni e investimenti, potrebbe averla sottintesa. Durante gli anni elettorali, i mercati tendono ad essere molto volatili, con il sentiment che muta spesso tanto rapidamente quanto i candidati esprimono le loro posizioni.


Graham formulò questa analogia nel 1934, nel suo libro su come valutare i titoli azionari "Security Analysis", che continua a essere un testo di riferimento nel campo degli investimenti. Da allora, ci sono stati 23 cicli elettorali statunitensi e li abbiamo esaminati tutti per aiutare i clienti a prepararsi per investire in questi periodi potenzialmente volatili. Di seguito, evidenziamo tre errori comuni commessi dagli investitori negli anni elettorali e offriamo suggerimenti su come evitarli e investire con sicurezza nel 2024.


Errore n. 1: gli investitori si preoccupano troppo del partito che vince le elezioni


Non c'è niente di sbagliato nel volere la vittoria del proprio candidato, ma attribuire troppa importanza ai risultati elettorali potrebbe creare problemi agli investitori. La storia, infatti, insegna che le elezioni non hanno mai inciso in maniera significativa sui rendimenti degli investimenti a lungo termine.


"Ai Presidenti vengono riconosciuti meriti e attribuiti demeriti eccessivi per la salute dell'economia statunitense e le condizioni dei mercati finanziari", afferma l'economista di Capital Group Darrell Spence. "Molte altre variabili determinano la crescita economica e i rendimenti di mercato sui cui, in tutta onestà, i Presidenti possono fare ben poco per incidere".


Ciò che per gli investitori dovrebbe essere più importante è mantenere gli investimenti. Sebbene i risultati ottenuti in passato non siano indicativi dei rendimenti futuri, un investimento di 1.000 dollari nell'Indice S&P 500 effettuato quando Franklin D. Roosevelt entrò in carica varrebbe oggi quasi 22 milioni di dollari. In questo periodo si sono succeduti otto presidenti democratici e sette repubblicani. Disinvestire per evitare un determinato partito o candidato in carica avrebbe potuto ridurre notevolmente i rendimenti a lungo termine di un investitore.


Le elezioni, per loro natura, hanno chiaramente vincitori e vinti. Ma i veri vincitori sono stati gli investitori che hanno eluso la tentazione di basare le proprie decisioni sui risultati delle elezioni e hanno mantenuto l'investimento a lungo termine.


Le azioni hanno registrato un trend al rialzo indipendentemente dal partito in carica

L'immagine mostra un istogramma che confronta la crescita annuale degli utili stimata per il 2023 e il 2024 per i titoli azionari statunitensi (Indice Standard & Poor's 500), dei mercati internazionali sviluppati (Indice MSCI EAFE) e dei mercati emergenti (Indice MSCI Emerging Markets). Le stime di crescita degli utili sono le seguenti: per gli Stati Uniti +0,8% nel 2023 e +11,4% nel 2024; per i mercati internazionali sviluppati +1,7% nel 2023 e +6,1% nel 2024; per i mercati emergenti -10,2% nel 2023 e +17,9% nel 2024.

Fonti: Capital Group, Morningstar, Standard & Poor's. Al 31 dicembre 2023. Le date di controllo del partito si basano sulle date di inaugurazione. I valori si basano sui rendimenti totali in USD e sono riportati su una scala logaritmica. I risultati passati non sono una previsione dei risultati futuri.

Errore n. 2: gli investitori si lasciano spaventare dalla volatilità della stagione delle primarie


I mercati odiano l'incertezza e cosa c'è di più imprevedibile delle primarie in un anno elettorale? Detto questo, la volatilità causata da questa incertezza è spesso di breve durata. Una volta concluse le primarie e dopo che ciascun partito ha scelto il proprio candidato, i mercati tendono a riprendere la loro normale traiettoria rialzista.


I mercati hanno spesso registrato una ripresa dopo la volatilità del periodo delle primarie

Il grafico mostra il rendimento medio cumulativo dell'S&P 500 dal 1932. La linea superiore rappresenta la media di tutti gli anni senza elezioni. Si muove costantemente verso l'alto. La seconda linea rappresenta la media di tutti gli anni di elezioni presidenziali. Mostra rendimenti medi più bassi e una volatilità più elevata per i primi cinque mesi dell'anno, durante il periodo delle primarie, poi inizia a crescere con una traiettoria leggermente più ripida rispetto alla prima linea.

Fonti: Capital Group, RIMES, Standard & Poor's. Sono compresi tutti i rendimenti giornalieri (basati sui prezzi) dal 1° gennaio 1932 al 31 dicembre 2023. Gli anni non elettorali escludono tutti gli anni in cui si sono tenute elezioni presidenziali o di metà mandato. I risultati passati non sono una previsione dei risultati futuri.

La volatilità durante l'anno delle elezioni può anche portare ad alcune opportunità di acquisto. Le proposte politiche presentate durante le primarie spesso si rivolgono a settori specifici, esercitando pressione sui prezzi delle azioni. Il settore sanitario è stato al centro del dibattito per diversi cicli elettorali. L'accesa retorica sui prezzi dei farmaci ha messo alla prova molti titoli dell'industria farmaceutica e dell'assistenza gestita. Altri settori hanno avuto simili episodi di debolezza prima delle elezioni.


Questo significa che gli investitori dovrebbero evitare del tutto determinati settori? Rob Lovelace, gestore di portafoglio azionario con 38 anni di esperienza di investimento durante molti cicli elettorali negli Stati Uniti, sostiene che non è così. "Quando tutti temono che un nuovo assetto governativo possa penalizzare un settore, la preoccupazione si rivela solitamente esagerata", afferma Lovelace.


Indipendentemente da chi vinca, i titoli con fondamentali solidi nel lungo periodo spesso si risollevano non appena termina la campagna elettorale. Questa turbolenza di mercato pre-elettorale può creare opportunità di acquisto per gli investitori con un punto di vista opposto e la capacità di tollerare la volatilità a breve termine.


Errore n. 3: gli investitori tentano di prevedere il mercato in base alla politica


Se temete per i mercati nel 2024, sappiate di non essere i soli. I candidati alle presidenziali spesso attirano l'attenzione sui problemi del Paese e le campagne elettorali amplificano sistematicamente i messaggi negativi. Non dovrebbe quindi sorprendere che gli investitori tendano a essere più conservativi con i loro portafogli in vista delle elezioni.


Dal 1992, gli investitori hanno riversato il loro patrimonio nei fondi del mercato monetario – tradizionalmente uno dei veicoli di investimento a più basso rischio – con maggiore frequenza prima delle elezioni. Al contrario, i fondi azionari hanno registrato i flussi netti in entrata più alti nell'anno immediatamente dopo le elezioni. Ciò suggerisce che gli investitori potrebbero preferire minimizzare il rischio durante gli anni delle elezioni e aspettare il placarsi delle incertezze per rivisitare attività più rischiose come le azioni.


Gli investitori tendono a essere più cauti prima delle elezioni

Il grafico presenta due coppie di barre verticali e mostra i flussi netti medi dei fondi negli anni di elezioni presidenziali (1992-2023). La coppia di sinistra indica i flussi di fondi negli anni di elezioni presidenziali, mentre la coppia di destra si riferisce all'anno dopo le elezioni. Ogni coppia mostra i flussi dei fondi azionari e quelli del mercato monetario. Negli anni delle elezioni presidenziali, i flussi del mercato monetario sono stati pari a 195 miliardi di dollari, mentre i flussi azionari sono stati pari a 37 miliardi di dollari. Nell'anno successivo alle elezioni, i flussi del mercato monetario sono stati pari a 85 miliardi di dollari contro i 202 miliardi di dollari dei flussi azionari.

Fonti: Capital Group, Morningstar. Valori in USD. I fondi azionari comprendono fondi azionari statunitensi e internazionali esclusi gli Stati Uniti.

Ma il market timing è raramente una strategia di investimento a lungo termine vincente e può rappresentare un problema importante per i rendimenti del portafoglio. Al fine di verificarlo, abbiamo esaminato i rendimenti degli investimenti negli ultimi 23 cicli elettorali statunitensi e confrontato tre ipotetici approcci di investimento: essere completamente investiti nelle azioni, effettuare versamenti mensili nelle azioni o mantenere investimenti in liquidità fino a dopo le elezioni. Abbiamo quindi calcolato i rendimenti del portafoglio al termine di ciascun ciclo, ipotizzando un periodo di detenzione di quattro anni.


Un investitore ipotetico che ha mantenuto gli investimenti in liquidità fino a dopo le elezioni ha ottenuto il risultato peggiore dei tre portafogli in 17 dei 23 periodi. Mentre gli investitori che hanno mantenuto tutti i loro investimenti o hanno effettuato versamenti mensili durante gli anni delle elezioni ne sono usciti vincitori. Questi investitori hanno avuto dei saldi di portafoglio medi più elevati durante l'intero periodo e hanno superato più spesso l'investitore che è rimasto in disparte più a lungo.


Attenersi a un piano di investimento a lungo termine basato su obiettivi di investimento individuali è di solito la migliore linea d'azione. Sia che tale strategia preveda di investire tutte le attività nel corso dell'anno o di procedere con versamenti regolari, la conclusione è che gli investitori dovrebbero evitare di prevedere il mercato in base alla politica. Come spesso accade con gli investimenti, la chiave è mettere da parte le incertezze del breve termine e concentrarsi su obiettivi a lungo termine.



Rob Lovelace è Vice Chairman e President di Capital Group Companies e fa parte del Capital Group Management Committee. Ha maturato 34 anni di esperienza nel settore degli investimenti, tutti in Capital Group. Ha conseguito una laurea in geologia presso la Princeton University e possiede la qualifica di CFA.

Darrell R. Spence è un economista di Capital Group. Ha maturato 29 anni di esperienza nel settore degli investimenti, tutti in Capital Group. Ha conseguito una laurea con lode in economia presso l'Occidental College. Ha inoltre conseguito la qualifica di Chartered Financial Analyst® ed è membro della National Association for Business Economics. Risiede a Los Angeles.


Ricevi aggiornamenti dal nostro team di investimento.

Iscriviti subito per ricevere ogni due settimane nella tua casella di posta in arrivo le informazioni più importanti del settore e gli articoli puntuali.

Inviando le informazioni confermi di voler ricevere comunicazioni e-mail da parte di Capital Group. Tutte le e-mail prevedono la possibilità di cancellare la tua registrazione. Ulteriori informazioni sono disponibily sulla Informativa sulla Privacy

Past results are not a guarantee of future results. The value of investments and income from them can go down as well as up and you may lose some or all of your initial investment. This information is not intended to provide investment, tax or other advice, or to be a solicitation to buy or sell any securities.

Statements attributed to an individual represent the opinions of that individual as of the date published and do not necessarily reflect the opinions of Capital Group or its affiliates. All information is as at the date indicated unless otherwise stated. Some information may have been obtained from third parties, and as such the reliability of that information is not guaranteed.

Capital Group manages equity assets through three investment groups. These groups make investment and proxy voting decisions independently. Fixed income investment professionals provide fixed income research and investment management across the Capital organization; however, for securities with equity characteristics, they act solely on behalf of one of the three equity investment groups.