Capital GroupSM
Categories
Cina
Lezioni sugli investimenti apprese in 40 anni in Cina
Steve Watson
Gestore di portafogli azionari

Steve Watson era un giovane studente quando lui e sua moglie, Barbara, arrivarono per la prima volta a Wuhan, in Cina, per trascorrere l'estate del 1981 studiando cinese.


"La Cina in cui ci imbattemmo allora sarebbe irriconoscibile per un viaggiatore odierno", ricorda Watson. "Viaggiavamo su treni non climatizzati alimentati da locomotive a carbone che sbuffavano fumo che ti bruciava gli occhi e ti anneriva i vestiti".


Non c'erano automobili private, i mezzi di trasporto principali erano le biciclette e gli autobus. La città non aveva la metropolitana. I telefoni e i condizionatori d'aria erano fuori portata per la maggior parte delle persone — l'Università di Wuhan aveva solo una stanza con l'aria condizionata all'epoca — e la refrigerazione era scarsa. La città, un importante hub commerciale in Cina, aveva un unico ponte che attraversava il fiume Yangtze.


Steve Watson e sua moglie Barbara visitano la Grande Muraglia Cinese nel 1981

Oggi è una città di oltre 12 milioni di persone e vanta 11 ponti che attraversano lo Yangtze e una metropolitana con nove linee e 228 stazioni. Ci sono condizionatori d'aria, TV e automobili in abbondanza.


"Anche dopo decenni di stretta collaborazione con la Cina, sono spesso sorpreso dalla sua capacità di cambiamento e dalla sua disponibilità all'adattamento", afferma Watson, che vive e lavora a Hong Kong dal 2000.


Watson ha recentemente celebrato il 40° anniversario di quel primo viaggio in Cina. In questo articolo condivide come le sue percezioni del paese sono cambiate nel corso degli anni, le lezioni apprese come investitore professionale e cosa pensa del contesto degli investimenti di oggi.


40 anni di crescita esplosiva

Fonti: Capital Group, CEIC Data, FMI, Banca Mondiale. *Dati relativi al numero di imprese private nel 1988 e nel 2018. RMB indica il renminbi cinese.

La Cina produce grandi imprenditori


In Capital Group abbiamo sempre creduto che la qualità della gestione di un'azienda sia fondamentale per il suo successo o fallimento. Pertanto, poniamo molta enfasi sugli investimenti con grandi leader aziendali, e la Cina ha prodotto alcuni grandi imprenditori.


Un esempio è Wu Yajun, co-fondatore di Longfor Properties, che ho incontrato in uno dei miei primi viaggi come neo-analista immobiliare a Hong Kong nel 2000, nove anni prima della sua IPO di Hong Kong. Sono rimasto colpito dall'integrità, dalla determinazione e dalla dedizione di Madame Wu nei confronti dei suoi clienti e dipendenti. Quella prima valutazione si è rivelata accurata a mio avviso, e Wu è tra gli imprenditori edili che hanno trasformato il volto della Cina nel corso di decenni di crescita esplosiva.


Ho anche avuto il privilegio di incontrare i fondatori di quelli che ora sono alcuni dei giganti digitali del paese, anche se non sempre sono riuscito a riconoscere immediatamente fino a che punto alcuni avrebbero guidato il cambiamento.


Più di 21 anni fa ho incontrato Pony Ma, fondatore di un'azienda tecnologica con sede a Shenzhen, chiamata Tencent. L'azienda offriva principalmente un servizio di messaggistica istantanea. Il suo nome deriva dal prezzo di un singolo messaggio all'epoca: dieci (yuan) centesimi.


All'epoca Tencent era composta da Ma e una dozzina di giovani dipendenti che battevano energicamente sulle tastiere in un seminterrato poco illuminato. Ero incuriosito, ma non avevo ancora capito appieno ciò che sarebbe potuto diventare.


Il motore manifatturiero cinese risale la catena del valore

Fonte: Capital Group, sulla base dei report di Euromonitor, SNE Research e dati della società. I dati risalgono a maggio 2021 e riflettono importi approssimativi.

Riconoscere un grande CEO è più un'arte che una scienza, e non tutte le aziende hanno un leader forte. Anni fa ho investito in Sino-Forest, una società cinese quotata a Toronto, che affermava di acquisire e gestire terreni forestali e venderli ad altri investitori. In realtà, il management ingannava gli investitori inventando transazioni fasulle, tra le altre cose. Nel 2017 un'autorità di regolamentazione canadese ha stabilito che il CEO Allen Chan e diversi altri amministratori avevano commesso una frode.


Anche se non si è trattato di una situazione isolata, ci sono tuttavia molte aziende cinesi che riconoscono l'importanza della trasparenza e stanno adottando misure per allinearsi agli standard di altri paesi.


Faccio parte del consiglio dell'Asian Corporate Governance Association, un'organizzazione con sede a Hong Kong che incontra molte aziende cinesi interessate a diventarne membri e a conoscere le best practice aziendali in aree molto funzionali.


In qualsiasi paese dobbiamo essere certi che ciò che ascoltiamo è la verità. Dobbiamo mantenere aperte le linee di comunicazione con il management della società. E dobbiamo anche essere scettici e meticolosi nella nostra ricerca.


La Cina è vasta, con molti rischi e opportunità


Per anni gli esperti hanno predetto l'imminente fine economica della Cina. Già nel 2001 nel suo libro, The Coming Collapse of China, l'autore Gordon Chang aveva descritto come l'insieme della stretta del Partito Comunista, crediti in sofferenza del sistema bancario, errata allocazione del capitale, corruzione e bolle immobiliari avrebbero portato alla fine del miracolo economico cinese.


Contrariamente alle aspettative di Chang e di molti altri, il paese ha resistito al collasso. Mentre molti di questi problemi sono reali, nella mia esperienza i suoi leader erano – e rimangono – focalizzati su come evitare il declino. Possiamo guardare con preoccupazione alle aree di rischio, in particolare all'accumulo di debito e all'errata allocazione del capitale, ma dobbiamo ricordarci che i policymaker cinesi si concentrano su queste stesse questioni.


In effetti, la crescita stratosferica della Cina ha spesso confuso gli osservatori attenti che si aspettano il collasso o una stagnazione. Si consideri il mercato immobiliare cinese, che ho trattato all'inizio della mia carriera come analista. Il timore di un imminente crollo immobiliare ci ha accompagnati almeno dall'inizio degli anni 2000. Nel 2003, un mio collega, riflettendo su un viaggio a Shanghai, scrisse di aver visto miglia e miglia di nuovi appartamenti, uffici e fabbriche, molti dei quali sembravano inutilizzati. "Penso di essere davanti a una bolla di grandi proporzioni", scriveva all'epoca.


I prezzi delle proprietà cinesi invece sono aumentati drasticamente nel corso degli anni, rifiutandosi ostinatamente di collassare. Era difficile per molti comprendere l'effetto trasformativo dell'urbanizzazione, insieme a una generale necessità di aggiornamento delle azioni immobiliari nazionali. Probabilmente, oggi il paese rimane sotto-urbanizzato.


L'urbanizzazione è in aumento per la forza lavoro e i mercati cinesi

Fonti: Capital Group, Banca mondiale. I dati più recenti sull'occupazione della popolazione risalgono al 2019.

Le vaste dimensioni del mercato cinese offrono notevoli opportunità, ma è importante ricordare che la Cina non è un monolito che pensa e agisce con un'unica voce. Infatti, con una popolazione di 1,4 miliardi di abitanti (al 2020) distribuiti in 23 province, cinque regioni autonome, quattro comuni sotto il controllo diretto del governo centrale e due regioni amministrative speciali, la Cina è un'entità complessa e spesso opaca che non si muove necessariamente in una direzione senza conflitti interni lungo il percorso. E il risultato di questa eterogeneità può confondere le aspettative.


Investire in Cina richiede una conoscenza diretta


Vivere a Hong Kong da più di 22 anni mi aiuta ad apprezzare le numerose complessità della Cina. Il nostro ufficio qui ha aperto nel 1983 nell'appartamento del primo dipendente della società, Sin-Ming Shaw. Lo stesso anno, l'ex presidente Jon B. Lovelace ha parlato dinanzi al Consiglio di Stato della Repubblica Popolare Cinese a Pechino. Capital ha effettuato i suoi primi investimenti in Cina nel 1994 e ha costituito il nostro Gruppo Cina nel 2001.


Watson con i membri del Gruppo Cina di Capital in visita a Shanghai nel 2015

Oggi abbiamo otto esperti di settore specializzati sulla Cina. Li considero essenziali per la nostra comprensione dei rischi e delle opportunità di investimento che il paese offre. Ad esempio, una recente ricerca sulla catena di fornitura delle batterie per i veicoli elettrici, in cui la Cina è un leader, ha aiutato alcuni dei miei colleghi a prendere decisioni informate sui produttori del paese.


I nostri esperti di settore a Shanghai, che lavorano con colleghi di altri uffici, stanno attualmente intervistando centinaia di individui che vivono sia nelle città più grandi e più sviluppate che nelle città più piccole per ottenere informazioni più approfondite sul mercato immobiliare cinese. Gli intervistati rispondono a domande sulla loro situazione finanziaria, comportamento di acquisto, portafogli immobiliari, preoccupazioni circa le proprietà e capacità di finanziamento, tra le altre.


Watson e un collega in visita a uno stabilimento siderurgico di Tangshan nel 2016

Il governo cinese esercita un potere significativo sui mercati


Quando si investe in Cina è saggio ricordare che il governo è un attore potente la cui influenza non può essere sottovalutata. Di recente, le autorità cinesi hanno imposto delle regole severe alle società di piattaforme Internet che ritenevano non conformi all'agenda di prosperità comune del governo. In alcuni casi tali imprese sono state ritenute troppo redditizie o in contrasto con l'interesse pubblico.


I cambiamenti nella politica governativa hanno sorpreso molti, me compreso, e le azioni delle società di piattaforme Internet sono crollate. Il governo interviene anche in altre aree del settore privato come l'istruzione e il gioco d'azzardo.


In qualità di investitori, dobbiamo prestare molta attenzione a questi cambiamenti e comprendere appieno le implicazioni dell'agenda di prosperità comune della Cina. Senza dubbio, il rischio politico è più alto che in altri mercati, ma la Cina vuole un'economia in crescita e dinamica, caratterizzata da un significativo grado di innovazione. Credo che i suoi leader sappiano che questo non può essere realizzato solo da imprese statali.


Oggi molte aziende sono preoccupate di sembrare troppo redditizie e mostrare una crescita eccessiva. Tuttavia, penso che raggiungeranno un equilibrio in cui i leader aziendali capiranno come possono prosperare ed essere apprezzati dal governo e il governo può determinare come utilizzare al meglio l'impresa privata per raggiungere i suoi obiettivi economici a lungo termine.


La rapida crescita ha ridisegnato il mercato cinese

Fonti: Capital Group, MSCI. Composizione del settore al 24 marzo 2022. Società più importanti al 31 dicembre 2021. La categoria telecomunicazioni e servizi di pubblica utilità comprende il settore dei servizi di telecomunicazione prima del 2018, quando è stato riclassificato come servizi di comunicazione e la sua composizione è stata sostanzialmente modificata. La categoria beni di consumo e tech include servizi al consumo, beni di consumo, servizi informatici e servizi di comunicazione. La categoria relativa alle materie prime comprende il settore industriale, i materiali e l'energia. La legenda a colori riflette la classificazione dei settori alla fine di ogni anno.

Investire con un approccio contrarian in Cina oggi


Sono un investitore contrarian per natura e oggi, con le azioni di molte aziende cinesi che sono calate significativamente e gli investitori sempre più preoccupati, penso che sia bene rimanere aperti agli investimenti in Cina. Ultimamente ho guardato a una varietà di settori, compresi quello dei beni di consumo, quello dei servizi corporate e persino quello delle piattaforme Internet. Ma attenzione: non è un mercato facile da capire. È essenziale una ricerca fondamentale approfondita da parte degli esperti di settore a livello locale.


Gli investitori in Cina possono cercare le stesse cose che cercano in altri mercati, come le società con team di gestione consolidati disposti a ricompensare gli azionisti, prodotti validi, l'attenzione alla qualità, un focus sulla redditività, la comprensione dell'efficienza del bilancio e, naturalmente, la capacità di gestire le relazioni con il governo.



Steve Watson è un gestore di portafogli azionari con 33 anni di esperienza negli investimenti. All'inizio della sua carriera presso la Capital, si è occupato di proprietà e trasporti asiatici, nonché di aziende europee di trasporto e di servizi pubblici in qualità di analista di investimenti azionari. Ha conseguito un MBA e un MA in studi francesi presso la New York University e una laurea in francese presso la University of Massachusetts.


Learn more about

Investire al di fuori degli Stati Uniti comporta rischi, come fluttuazioni valutarie, periodi di illiquidità e volatilità dei prezzi. Questi possono essere amplificati se collegati a investimenti nei paesi in via di sviluppo. I titoli di società piccole comportano rischi aggiuntivi e il loro prezzo può fluttuare di più rispetto ai titoli di società più grandi.

 

L'Indice MSCI China Investable Market fornisce un quadro di rappresentazione delle società ad alta, media e piccola capitalizzazione pari a circa il 99% dell'universo azionario investibile per il mercato della Cina continentale. Al 31 luglio 2021 vi sono 986 componenti.

 

MSCI non ha approvato, esaminato o prodotto il presente report, non fornisce garanzie o dichiarazioni esplicite o implicite e non è responsabile in alcun modo per i dati rappresentati. Non è possibile redistribuire i dati del MSCI o utilizzarli come base per altri indici o prodotti di investimento.

Past results are not a guarantee of future results. The value of investments and income from them can go down as well as up and you may lose some or all of your initial investment. This information is not intended to provide investment, tax or other advice, or to be a solicitation to buy or sell any securities.

Statements attributed to an individual represent the opinions of that individual as of the date published and do not necessarily reflect the opinions of Capital Group or its affiliates. All information is as at the date indicated unless otherwise stated. Some information may have been obtained from third parties, and as such the reliability of that information is not guaranteed.