Categories
Mercati emergenti
Il riprezzamento del debito ME rappresenta un punto di ingresso valido?
Harry Phinney
Gestore di portafoglio a reddito fisso

Il conflitto tra Russia e Ucraina, l'impennata dei prezzi delle materie prime e l'aumento dell'inflazione globale hanno sollevato nuovi dubbi sulle prospettive del debito dei mercati emergenti (ME). Le recenti previsioni del Fondo Monetario Internazionale e della Banca mondiale indicano che la crescita globale sta subendo un rallentamento. Inoltre, la Federal Reserve americana sembra voglia anticipare i rialzi dei tassi in questo ciclo di contrazione, aumentando il rischio di una recessione.


In questo contesto, non sorprende che la classe di attività abbia subito delle pressioni. Ma ci troviamo in un momento di massimo pessimismo in cui gran parte del rischio è scontato? Alla luce del rendimento medio degli indici di riferimento dei ME compreso tra il 6% e il 7%, è ora un buon momento per investire nella classe di attività?


Se da un lato si tratta di un universo eterogeneo, che richiede un'analisi separata per ogni strumento sovrano e di credito, dall'altro, la ricerca del nostro team d'investimento mostra molte economie in via di sviluppo che in questo momento godono di condizioni migliori rispetto al passato. Pertanto, potrebbe essere giustificata una visione cautamente ottimistica per il debito dei mercati emergenti. Di seguito sono riportate alcune tendenze generali che supportano tale conclusione.


Sulla strada giusta verso l'inflazione


Molte banche centrali dei mercati emergenti hanno iniziato ad aumentare i tassi d'interesse molto prima delle loro controparti dei mercati sviluppati (MS) in questo ciclo. I policymaker sono del tutto consapevoli degli impatti economici dannosi causati da un'inflazione strutturalmente elevata, avendola spesso affrontata in passato. Mentre l'aumento dell'inflazione è principalmente guidato da fattori più volatili (generi alimentari ed energia) in queste economie, le banche centrali dei ME devono impegnarsi di più per dimostrare la loro credibilità ed evitare che le aspettative di inflazione si consolidino. I tassi d'interesse più elevati aiutano anche a proteggere i Paesi dei ME dai deflussi di capitale a fronte dell'aumento dei tassi da parte della Fed. 


Molti Paesi dei ME hanno fortemente aumentato i tassi di riferimento

EMD-Policy-Rates

Fonte: Bloomberg. Dati al 27 aprile 2022.

Le valutazioni in alcuni mercati forniscono un'equa compensazione per l'inflazione elevata


I rendimenti nominali e reali di un certo numero di Paesi in via di sviluppo sembrano fornire un'equa compensazione per l'inflazione elevata. I differenziali dei tassi d'interesse tra i Paesi dei ME e dei MS sono tornati in linea con le medie storiche sia su base nominale che reale, mentre l'analisi mostra che le valute dei ME sono a buon mercato.


I rendimenti obbligazionari dei ME in valuta locale e forte superano quelli delle obbligazioni core degli Stati Uniti

EMD-Maturity

Fonti: J.P. Morgan, Bloomberg. Debito dei ME in dollari USA, rappresentato da J.P. Morgan Emerging Markets Bond Index (EMBI) Global Diversified; debito dei ME in valuta locale, rappresentato da J.P. Morgan Government Bond Index — Emerging Markets (GBI-EM) Global Diversified; debito core degli Stati Uniti, rappresentato dal Bloomberg U.S. Aggregate Index. Dati al 31 marzo 2021.

Poiché le valutazioni si sono ridotte e i rendimenti sono aumentati, i risultati potenzialmente negativi sembrano essere almeno parzialmente scontati in alcuni ME. Come indica il grafico seguente, in passato, i rendimenti a due anni sono stati positivi quando i rendimenti raggiungono il 6,7% o più. L'attuale livello di rendimento, basato su una combinazione 50/50 degli indici delle obbligazioni sovrane dei ME in valuta locale e forte, si attesta a circa il 7,07% al 29 aprile 2022. Gli elevati rendimenti iniziali possono contribuire a compensare la successiva volatilità dei prezzi e possono segnalare un punto di ingresso interessante per gli investitori che cercano di aggiungere obbligazioni che generano profitti ai loro portafogli. 


I rendimenti dei mercati emergenti sono aumentati e i fondamentali appaiono stabili

EMD Sovereign

Fonte: Bloomberg, J.P. Morgan, Morningstar. Dati al 5 aprile 2022. I rendimenti minimi e prospettici illustrati fanno riferimento per il 50% al J.P. Morgan EMBI Global Diversified Index (valuta forte) e per il 50% al J.P. Morgan GBI-EM Global Diversified Index (valuta locale). Le date indicate per i picchi dei rendimenti sono: 31/05/2010, 30/09/2015, 31/12/2015, 31/10/2018, 30/11/2018 e 31/12/2018. I rendimenti prospettici fanno riferimento ai rendimenti annualizzati. ME: mercati emergenti. YTW: rendimento minimo. Il rendimento minimo è il rendimento più basso che può essere realizzato tramite call o put in una delle date di call/put disponibili, o detenendo un'obbligazione fino alla scadenza. Con "call" e "put" si fa riferimento a caratteristiche di alcune obbligazioni che consentono a un emittente di riscattare il titolo in anticipo o a un titolare di obbligazioni di richiedere un rimborso anticipato all'emittente.

Una bilancia dei pagamenti più forte nonostante deficit fiscali più elevati


I deficit fiscali sono aumentati in molte economie emergenti durante la pandemia, tuttavia sembrano in gran parte gestibili in quanto le misure di stimolo di questi Paesi tendevano a essere limitate rispetto a quelle implementate nei mercati sviluppati. In linea di massima, anche i livelli del debito pubblico dei ME restano ben al di sotto di quelli dei mercati sviluppati. Molte posizioni relative alla bilancia dei pagamenti (un indicatore della differenza tra tutti i flussi di denaro in ingresso e in uscita di un Paese) sono migliorate durante la pandemia, dal momento che le restrizioni legate al COVID-19 hanno indebolito la domanda interna e i tassi di cambio sottostimati hanno aiutato la competitività dei Paesi dei ME. Alcuni mercati emergenti possiedono persino avanzi delle partite correnti.


Gli esportatori di materie prime beneficiano di prezzi favorevoli


La recente impennata dei prezzi delle materie prime sostiene molti Paesi dei ME esportatori di materie prime. Stanno beneficiando dei profitti in termini di commercio, che a loro volta possono aiutare a correggere gli squilibri dei conti con l'estero e fiscali, nonché mitigare l'impatto derivante da una crescita globale più debole. Gli esportatori di materie prime dell'America Latina possono trarre il massimo vantaggio dall'aumento dei prezzi delle materie prime, soprattutto perché hanno pochi legami commerciali diretti con la Russia e l'Ucraina. La maggior parte dei Paesi asiatici dei ME sono importatori netti di materie prime e potranno quindi registrare un deterioramento dei saldi dei conti con l'estero, anche se molti stanno gestendo avanzi delle partite correnti. La regione EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa) registra un andamento eterogeneo: alcuni Paesi probabilmente saranno colpiti più duramente dall'impennata dei prezzi delle materie prime, come la Turchia, e altri ne trarranno i maggiori benefici, come i Paesi esportatori di petrolio in Medio Oriente. Ciò detto, i prezzi delle materie prime sono solo uno dei fattori che influenzano tali economie. Ad esempio, il rischio politico può diventare un fattore dominante in un anno caratterizzato da elezioni. Questo e altri fattori di volatilità possono attenuare qualsiasi rialzo a breve termine.


Il contesto tecnico è favorevole


L'emissione primaria del mercato ha subito un rallentamento da metà marzo, mentre i pagamenti di interessi e i rimborsi di capitale hanno superato l'importo della nuova emissione, contribuendo a creare un contesto tecnico favorevole. Nel frattempo, sembra che gli investitori di recente abbiano assunto una visione meno favorevole del debito dei ME. Secondo Barclays, i fondi comuni di debito dei ME e gli exchange-traded fund hanno registrato 13,5 miliardi di dollari in deflussi da inizio anno al 19 aprile 2022. Poiché le banche centrali dei ME continuano ad aumentare i tassi, ampliando il differenziale dei tassi d'interesse rispetto ai mercati sviluppati, potremmo assistere a una svolta significativa nell'attività finanziaria.


L'attuale volatilità potrebbe creare un'opportunità


Il nostro team d'investimento favorisce un portafoglio ben diversificato nelle nostre principali strategie di debito dei mercati emergenti, con un'esposizione al debito sovrano denominato in dollari e in valuta locale, nonché a obbligazioni societarie. Non ci piace attribuire i rischi a una sola visione o convinzione e questo è ancora più vero in questo contesto di mercato.


La combinazione di una crescita globale relativamente debole e di un'inflazione elevata rimane uno scenario difficile per il debito dei ME, soprattutto a fronte di un ciclo di rialzi anticipato da parte della Fed. Aspetto più positivo è che le azioni proattive delle banche centrali, i fondamentali e i fattori tecnici sembrano interessanti su base storica e rispetto ai mercati sviluppati. Dal punto di vista della valutazione, e riconoscendo che i risultati passati non sono indicativi di performance future, quando i rendimenti sono stati pari o prossimi ai livelli attuali, i rendimenti a lungo termine del debito dei ME sono stati storicamente positivi. Tenendo presente ciò, l'attuale volatilità nella classe di attività potrebbe essere un buon punto di ingresso per gli investitori a lungo termine.



Harry Phinney è responsabile degli investimenti a reddito fisso in Capital Group. Ha maturato 16 anni di esperienza nel campo degli investimenti e lavora da cinque anni in Capital Group. Ha conseguito un MBA in affari internazionali alla Northeastern University, un master in statistica applicata e matematica finanziaria alla Columbia University e una laurea in economia politica internazionale, con votazione magna cum laude, alla Northeastern University. Opera dalla sede di Los Angeles.


Il J.P. Morgan Emerging Market Bond Index (EMBI) Global Diversified è un indice ponderato di riferimento del debito dei mercati emergenti che tiene traccia dei rendimenti totali per le obbligazioni denominate in dollari statunitensi emesse da entità sovrane e semi-sovrane dei mercati emergenti. Questo indice non è gestito e i suoi risultati includono dividendi e/o distribuzioni reinvestiti ma non tengono conto dell'effetto delle commissioni di conto, delle spese o delle imposte federali sul reddito degli USA.

 

J.P. Morgan Government Bond Index — Emerging Markets (GBI-EM) Global Diversified copre l'universo dei titoli di Stato dei mercati emergenti a tasso fisso liquido, in valuta nazionale, regolarmente scambiati, ai quali gli investitori internazionali possono acquisire un'esposizione. Questo indice non è gestito e i suoi risultati includono dividendi e/o distribuzioni reinvestiti ma non tengono conto dell'effetto delle commissioni di conto, delle spese o delle imposte federali sul reddito degli USA.

 

Il Bloomberg U.S. Aggregate Index rappresenta i mercati obbligazionari investment grade degli Stati Uniti. Questo indice non è gestito e i suoi risultati includono dividendi e/o distribuzioni reinvestiti ma non tengono conto dell'effetto degli oneri di vendita, delle commissioni, delle commissioni di conto, delle spese o delle imposte federali sul reddito degli USA.

I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri. Il valore degli investimenti e del relativo reddito può aumentare come diminuire e l’investitore potrebbe perdere in parte o per intero l’importo dell’investimento iniziale. Le presenti informazioni non intendono fornire consulenza fiscale, per gli investimenti o di altra natura, né essere una sollecitazione all'acquisto o alla vendita di titoli.

Le dichiarazioni espresse da un singolo individuo rappresentano l’opinione di tale persona alla data di pubblicazione e non coincidono necessariamente con le opinioni di Capital Group o delle sue affiliate. Salvo diversamente indicato, tutte le informazioni si intendono alla data riportata. Alcune informazioni potrebbero provenire da terze parti e, di conseguenza, l'affidabilità di tali informazioni non è garantita.

Documento a fini promozionali

I risultati passati non sono una garanzia di risultati futuri. Le informazioni contenute in questo sito non sono né un'offerta né una sollecitazione ad acquistare o vendere titoli o a fornire servizi di investimento. Le dichiarazioni attribuite ad una persona fisica rappresentano le opinioni di quella persona alla data di pubblicazione e non riflettono necessariamente le opinioni del Gruppo Capital o delle sue affiliate. I Comparti americani non sono registrati per la vendita al di fuori degli Stati Uniti.

Mentre il Gruppo Capital si sforza ragionevolmente di ottenere informazioni da fonti che ritiene affidabili, il Gruppo Capital non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia circa l'accuratezza, l'affidabilità o la completezza delle informazioni.

Le informazioni contenute in questo sito sono di natura generale e non tengono conto dei vostri obiettivi, della vostra situazione finanziaria o delle vostre esigenze. Prima di agire su una qualsiasi delle informazioni, è necessario considerarne l'adeguatezza, tenendo conto dei propri obiettivi, della situazione finanziaria e delle esigenze.

Le informazioni contenute in questo sito sono state prodotte da Capital International Management Company Sàrl ("CIMC"), regolamentata dalla Commission de Surveillance du Secteur Financier ("CSSF") e dalle sue affiliate, a seconda dei casi ("Capital Group").