Capital IdeasTM

Approfondimenti di Capital Group

Categories
Volatilità di mercato
Biden, l'Europa e l'energia: un rapporto sul filo del rasoio
Talha Khan
Economista politico

L'aggressione militare della Russia contro l'Ucraina, che è diventata la più grande guerra di invasione d'Europa da generazioni, ha colpito milioni di persone e scatenato una potenziale crisi umanitaria su larga scala, mentre gli ucraini più vulnerabili cercano rifugio o fuggono dalle loro case. L'intensificazione e la diffusione del conflitto sono profondamente preoccupanti e stanno avendo un impatto devastante sulle persone coinvolte nella crisi.


Questo articolo si concentra sulle potenziali implicazioni economiche e di mercato del conflitto.


I mercati in genere ignorano i principali eventi geopolitici, o l'impatto è sempre stato più localizzato. L'eccezione è quando i conflitti portano a scosse sull'approvvigionamento energetico. Una situazione degna di nota fu la guerra dello Yom Kippur del 1973. Dopo la fine di quella guerra, l'OPEC, che era guidata per la maggiore dall'Arabia Saudita, annunciò un embargo sulle spedizioni contro gli alleati europei di Stati Uniti e Israele. I prezzi del petrolio schizzarono alle stelle e gli Stati Uniti erano particolarmente vulnerabili, soprattutto perché non avevano le capacità di produzione interna che hanno oggi.


Biden sta camminando sul filo del rasoio nel cercare di punire la Russia proteggendo al contempo i consumatori americani. Il mercato dell'energia è molto contratto e con le pressioni inflazionistiche in atto e le elezioni di metà mandato del prossimo autunno, penso che ciò potrebbe spingere l'amministrazione Biden a rinegoziare l'accordo nucleare iraniano. Se arrivasse più petrolio iraniano sul mercato, parte delle pressioni si alleggerirebbero. Tuttavia, non sarebbe comunque una soluzione a lungo termine.


È in corso un disordinato dibattito politico in Europa e negli Stati Uniti su cosa fare in merito alle importazioni di petrolio e gas russo. I politici occidentali sono sottoposti a un'enorme pressione a causa dell'elevata inflazione e dei suoi effetti sui salari reali e sul potere d'acquisto. Quindi, anche se ciò ha esercitato un'importante influenza sui policymaker che hanno comminato le sanzioni per le forniture energetiche russe, l'opinione pubblica potrebbe benissimo obbligare a ripensare a questo aspetto. Non possiamo più escludere né che l'Europa decreti un embargo sulle importazioni di gas dalla Russia né che la Russia non manipoli le proprie forniture di gas.


Quest'ultima ipotesi sembra essere il passo logico successivo, che i paesi occidentali finora erano riusciti a scongiurare in questa crescente escalation. In ultima analisi, gli eventi che si stanno verificando accelereranno il programma europeo di transizione energetica e, nel frattempo, porteranno a prezzi dell'energia strutturalmente più elevati. Questi fattori (o incertezze) sono strettamente monitorati dalla Banca centrale europea (BCE) e dalla Federal Reserve degli Stati Uniti, che terrà d'occhio se si tradurranno in aspettative di inflazione a medio termine in vertiginosa salita. 



Talha Khan copre la zona euro e questioni politiche più ampie come economista politico al Capital Group. Ha conseguito un master in economia politica internazionale alla London School of Economics e una laurea in economia e scienze politiche al Macalester College.


I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri. Il valore degli investimenti e del relativo reddito può aumentare come diminuire e l’investitore potrebbe perdere in parte o per intero l’importo dell’investimento iniziale. Le presenti informazioni non intendono fornire consulenza fiscale, per gli investimenti o di altra natura, né essere una sollecitazione all'acquisto o alla vendita di titoli.

Le dichiarazioni espresse da un singolo individuo rappresentano l’opinione di tale persona alla data di pubblicazione e non coincidono necessariamente con le opinioni di Capital Group o delle sue affiliate. Salvo diversamente indicato, tutte le informazioni si intendono alla data riportata. Alcune informazioni potrebbero provenire da terze parti e, di conseguenza, l'affidabilità di tali informazioni non è garantita.

Documento a fini promozionali

I risultati passati non sono una garanzia di risultati futuri. Le informazioni contenute in questo sito non sono né un'offerta né una sollecitazione ad acquistare o vendere titoli o a fornire servizi di investimento. Le dichiarazioni attribuite ad una persona fisica rappresentano le opinioni di quella persona alla data di pubblicazione e non riflettono necessariamente le opinioni del Gruppo Capital o delle sue affiliate. I Comparti americani non sono registrati per la vendita al di fuori degli Stati Uniti.

Mentre il Gruppo Capital si sforza ragionevolmente di ottenere informazioni da fonti che ritiene affidabili, il Gruppo Capital non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia circa l'accuratezza, l'affidabilità o la completezza delle informazioni.

Le informazioni contenute in questo sito sono di natura generale e non tengono conto dei vostri obiettivi, della vostra situazione finanziaria o delle vostre esigenze. Prima di agire su una qualsiasi delle informazioni, è necessario considerarne l'adeguatezza, tenendo conto dei propri obiettivi, della situazione finanziaria e delle esigenze.

Le informazioni contenute in questo sito sono state prodotte da Capital International Management Company Sàrl ("CIMC"), regolamentata dalla Commission de Surveillance du Secteur Financier ("CSSF") e dalle sue affiliate, a seconda dei casi ("Capital Group").