Capital IdeasTM

Approfondimenti di Capital Group

Categories
Azioni
Sarà l'India il prossimo mercato emergente in forte crescita?
Anirudha Dutta
Economista
Brad Freer
Gestore di portafoglio
CONSIDERAZIONI CHIAVE
  • Dopo il rallentamento registrato nel 2019 e il difficile lockdown del 2020, l'India potrebbe essere sulla strada giusta per riguadagnarsi il suo posto tra i mercati emergenti a più rapida espansione.
  • Dall'e-commerce, alle banche, passando per il settore immobiliare, vediamo alcuni dei settori chiave che potrebbero trainare la ripresa e i settori che potrebbero presentare delle opportunità per gli investitori azionari.

Con il pagamento di 5,7 miliardi di dollari per una partecipazione del 10% in Jio Platforms, il ramo della tecnologia digitale del conglomerato indiano Reliance Industries, Facebook ha evidenziato il crescente entusiasmo della Silicon Valley per il mercato dei consumatori indiano. Il principale interesse di Facebook nell’accordo con la più grande rete mobile dell’India è stato l’elaborazione dei pagamenti per milioni di distributori locali tramite il servizio di messaggistica WhatsApp, che già conta oltre 400 milioni di utenti in India. A distanza di breve tempo anche Google ha investito 4,5 miliardi di dollari in Jio. Nel frattempo, Walmart ha investito 16 miliardi di dollari per una quota di maggioranza nell’e-commerce unicorn Flipkart, mentre Amazon ha investito circa 6,5 miliardi di dollari per diventare un attore importante nel commercio elettronico indiano.


Queste società non sono le sole. La cultura imprenditoriale dell’India e il suo ampio bacino di talenti tecnologici hanno dato origine a una serie di concorrenti nazionali, alcuni dei quali con significativi fondi di private equity. Ora, man mano che ampliano la loro portata, molte aziende si sono aggiunte alla fila per l’offerta pubblica iniziale. Se l’esito sarà positivo, questi accordi potrebbero aiutare a sostenere l’ecosistema digitale e a diversificare i mercati azionari indiani. Tra i più attivi nel settore dell’e-commerce sono Flipkart, le società di servizi di consegna di cibo Zomato e Swiggy, la società di assicurazione online Policybazaar, la società logistica Delhivery e il distributore di cosmetici Nykaa.


Le nuove società quotate fanno parte dell’ulteriore diversificazione del mercato azionario indiano, che va a preferire banche, società tecnologiche, azioni di consumo e imprese energetiche del settore privato rispetto alle imprese statali. L'assistenza sanitaria è un settore economico in rapida crescita, dominato dai produttori di farmaci generici. Un pool significativo di nuovi investimenti di portafoglio esteri sta contribuendo a condurre il mercato ben al di sopra del benchmark dei mercati emergenti.


 

Le azioni indiane hanno superato i mercati emergenti[1]


L'India potrebbe essere sulla strada giusta per una crescita a due cifre


L'ultimo decennio è stato impegnativo per i settori manifatturiero, edilizio e delle infrastrutture indiani, dal momento che il ciclo degli investimenti è rallentato. Ciò ha pesato sulla crescita del prodotto interno lordo, che nel 2019 ha raggiunto i minimi storici del 4,2%. La domanda dei consumatori, spinta da un facile accesso ai finanziamenti, da una crescita massiccia del credito per una popolazione ambiziosa e dalla spesa pubblica, sono stati i principali sostegni alla crescita economica. Quali sono quindi le prospettive per il mercato e l'economia dell'India?


A nostro avviso, l'aggressiva riduzione dei costi delle imprese industriali negli ultimi anni ha gettato le basi per il cambiamento. Le aziende hanno abbattuto le spese in conto capitale e la leva finanziaria. Il governo indiano ha attuato le riforme del lavoro che erano assolutamente necessarie. Nel frattempo, i bilanci bancari sono più sani e i tassi di interesse sono bassi. In questo contesto, il manifatturiero indiano sta probabilmente entrando in un periodo di crescita pluriennale con una ripresa dei margini, dei profitti e del ROCE (rendimento del capitale investito). Tutto ciò dovrebbe dare slancio al nuovo ciclo di investimento.


Allo stesso tempo, il piano di vaccinazione contro il COVID-19 sta ripristinando la fiducia dei consumatori. L'India si è dimostrata resiliente durante la pandemia, malgrado le previsioni funeste. Dopo quello che è stato soprannominato il "lockdown più pesante del mondo", l'economia si è ripresa più rapidamente del previsto.


1. Fonti: MSCI, RIMES. Al 31 gennaio 2021


Fattori di rischio da considerare prima dell'investimento:

  • Il presente materiale non è inteso come consulenza per gli investimenti, né come raccomandazione personale.
  • Il valore degli investimenti e del relativo reddito può aumentare come diminuire e l’investitore potrebbe perdere in parte o per intero l’importo dell’investimento iniziale.
  • I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri.
  • Se la valuta nella quale si investe guadagna terreno sulla valuta nella quale vengono effettuati gli investimenti sottostanti del fondo, il valore dell’investimento diminuisce.
  • In base alla strategia, i rischi possono essere associati ad investimenti in reddito fisso, nei mercati emergenti e/o titoli ad alto rendimento; i mercati emergenti sono volatili e possono essere penalizzati da problemi di liquidità.


Anirudha Dutta è un economista con 30 anni di esperienza nel settore. Ha conseguito un titolo post-laurea in gestione aziendale presso la Xavier School of Management e una laurea di primo livello con lode in ingegneria metallurgica presso l'Indian Institute of Technology di Kharagpur.

Brad Freer è un gestore di portafoglio con 28 anni di esperienza nel settore. Ha conseguito una laurea in relazioni internazionali presso il Connecticut College e la qualifica di Chartered Financial Analyst®.


 

I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri. Il valore degli investimenti e del relativo reddito può aumentare come diminuire e l’investitore potrebbe perdere in parte o per intero l’importo dell’investimento iniziale. Le presenti informazioni non intendono fornire consulenza fiscale, per gli investimenti o di altra natura, né essere una sollecitazione all'acquisto o alla vendita di titoli.

Le dichiarazioni espresse da un singolo individuo rappresentano l’opinione di tale persona alla data di pubblicazione e non coincidono necessariamente con le opinioni di Capital Group o delle sue affiliate. Salvo diversamente indicato, tutte le informazioni si intendono alla data riportata. Alcune informazioni potrebbero provenire da terze parti e, di conseguenza, l'affidabilità di tali informazioni non è garantita.