Capital IdeasTM

Approfondimenti di Capital Group

Categories
Reddito fisso
5 motivi per investire in obbligazioni societarie ad alto rendimento statunitensi
Shannon Ward
Gestore portafoglio a reddito fisso
Peter Becker
Direttore degli investimenti
CONSIDERAZIONI PRINCIPALI
  • L'high yield è una asset class sensibile alla crescita, che dovrebbe continuare a beneficiare di un contesto di crescita globale positivo.
  • I fondamentali registrano un miglioramento con i rapporti di leva finanziaria che iniziano a diminuire e uno slancio al rialzo del rapporto di upgrade/downgrade.
  • La durata più breve del mercato delle obbligazioni ad alto rendimento rispetto all'investment grade può contribuire a isolarlo dall'aumento dei tassi d'interesse.
  • Il mercato americano ad alto rendimento è in continua evoluzione. L'attuale mercato è più grande, diversificato e di maggiore qualità, anche se presenta rendimenti più bassi.
  • Le valutazioni assolute riflettono un ambiente favorevole, ma la cautela è necessaria e la selettività rimane fondamentale.

1. Il rendimento elevato è una classe di asset sensibile alla crescita


Il mercato ad alto rendimento ha storicamente prodotto risultati positivi su un intero ciclo, ma tende a performare particolarmente bene durante la fase di ripresa del ciclo economico, quando i tassi di default scendono, gli spread si restringono da livelli ampi e la volatilità tende a diminuire. Le metriche di credito iniziano a recuperare in questa fase con gli emittenti ad alto rendimento che si adoperano per riparare i propri bilanci, beneficiando in generale della crescita economica.


Le obbligazioni ad alto rendimento continuano a riportare risultati positivi nella fase di espansione, migliorando la propensione al rischio e le condizioni di credito. Con l'aumento dei guadagni, gli emittenti ad alto rendimento diventano più sicuri e i tassi di insolvenza diminuiscono.


Le proiezioni di consenso indicano una crescita robusta per il 2022 (come mostrato di seguito) e anche se ci aspettiamo che siano riviste al ribasso nel 2022, il nostro Capital Strategy Research Group si aspetta che i tassi di crescita delle economie principali rimangano al di sopra del trend nei prossimi 12 mesi, ad eccezione della Cina. Le previsioni di crescita globale sono generalmente in fase di revisione quando quest'anno la Cina si trova ad affrontare una crescita più lenta del previsto, mentre la ripresa degli Stati Uniti, stimolata dalla spesa fiscale nella prima metà dell'anno, ha iniziato a svanire. I sondaggi sul PMI nel settore manifatturiero a livello globale indicano una continua perdita di slancio, anche se l'indice rimane al di sopra di 50 per ora, suggerendo una continua crescita economica. Queste dinamiche di crescita dovrebbero continuare a sostenere positivamente le obbligazioni ad alto rendimento.


Le stime sono fornite al solo scopo illustrativo

All'8 settembre 2021. PIL: Prodotto interno lordo. Fonte: Bloomberg, Macrobond, Capital Group

2. I fondamentali stanno migliorando


Se la leva finanziaria è ancora elevata rispetto ai livelli pre-pandemici, gli indici di leva finanziaria stanno cominciando a diminuire. I tassi di copertura degli interessi registrano nel frattempo un aumento.


Il 2021 ha, pertanto, visto gli aggiornamenti dell'high yield superare i declassamenti, a indicare un miglioramento generale della qualità del credito. Questo è stato anche il caso delle rising star rispetto ai fallen angel1. Un importo record di debito è stato declassato da investment grade a high yield nel 2020. Da allora, il volume dei fallen angel è stato modesto, facendo sì che le rising star continuassero a superarli per diversi trimestri.


Fallen angel e rising star per quantità

Dati al 31 ottobre 2021. Livelli indicati per le obbligazioni statunitensi. YTD: year to date, su base annua. Fonti: JPMorgan

Prima dell'inizio del COVID-19, i tassi di default ad alto rendimento erano molto bassi. Sin dal picco della crisi finanziaria globale, sono rimasti generalmente al di sotto della media storica annuale (appena sopra il 3%), ad eccezione del periodo 2015-2016, quando il crollo del prezzo del petrolio ha generato una raffica di inadempienze nel settore energetico. I tassi di insolvenza hanno registrato una nuova impennata nel 2020 a causa della pandemia, ma da allora sono scesi ai minimi storici con la riapertura delle economie e la ripresa della crescita. Il contesto di insolvenza dovrebbe rimanere relativamente favorevole nel 2022. Le prime proiezioni per il 2023 suggeriscono inoltre che i tassi di insolvenza dovrebbero rimanere relativamente bassi. Infatti, se le tendenze attuali dovessero continuare, il 2021 potrebbe registrare il più basso volume di default dell'anno solare dalla crisi finanziaria globale. Sono inoltre migliorati in modo significativo i tassi di recupero, limitando così l'entità complessiva delle perdite da inadempienze. Dopo essersi attestati al 43,2% negli ultimi dodici mesi, i tassi di recupero delle obbligazioni ad alto rendimento sono ora leggermente superiori alla media annua a 25 anni pari al 39,6%2.


 


1. Per "rising star" si intende un'obbligazione aggiornata da high yield a investment grade. Per "fallen angel" si intende un'obbligazione declassata da investment grade a high yield.


2. Al 31 ottobre 2021. Fonte: JPMorgan


 


Fattori di rischio da considerare prima dell'investimento:

  • Il presente materiale non è inteso come consulenza per gli investimenti, né come raccomandazione personale.
  • Il valore degli investimenti e del relativo reddito può aumentare come diminuire e l'investitore potrebbe perdere in parte o per intero l'importo dell'investimento iniziale.
  • I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri.
  • Se la valuta nella quale si investe guadagna terreno sulla valuta nella quale vengono effettuati gli investimenti sottostanti del fondo, il valore dell'investimento diminuisce. La copertura valutaria cerca di limitare tale effetto, ma non vi è alcuna garanzia che la copertura avrà successo.
  • In base alla strategia, i rischi possono essere associati a investimenti in reddito fisso, nei mercati emergenti e/o titoli ad alto rendimento; i mercati emergenti sono volatili e possono essere penalizzati da problemi di liquidità.


Shannon Ward è un gestore di portafoglio a reddito fisso con 27 anni di esperienza. Ha conseguito un MBA presso la University of Southern California e un diploma di laurea presso la University of California di Santa Barbara.

Peter Becker è un direttore degli investimenti di Capital Group. Ha 23 anni di esperienza nel settore ed è con Capital Group da un anno. Prima di entrare in Capital, Peter è stato amministratore delegato nel team di gestione dei prodotti a reddito fisso di Wellington Management. Prima ancora, è stato gestore di portafoglio presso Aberdeen Asset Management. Ha conseguito un master presso la Ingolstadt School of Management. Ha anche ottenuto la designazione di Chartered Financial Analyst®. Peter risiede a Londra.


 

I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri. Il valore degli investimenti e del relativo reddito può aumentare come diminuire e l’investitore potrebbe perdere in parte o per intero l’importo dell’investimento iniziale. Le presenti informazioni non intendono fornire consulenza fiscale, per gli investimenti o di altra natura, né essere una sollecitazione all'acquisto o alla vendita di titoli.

Le dichiarazioni espresse da un singolo individuo rappresentano l’opinione di tale persona alla data di pubblicazione e non coincidono necessariamente con le opinioni di Capital Group o delle sue affiliate. Salvo diversamente indicato, tutte le informazioni si intendono alla data riportata. Alcune informazioni potrebbero provenire da terze parti e, di conseguenza, l'affidabilità di tali informazioni non è garantita.