Capital IdeasTM

Approfondimenti di Capital Group

Categories
Mercati emergenti
10 tendenze che definiranno il futuro degli investimenti nei mercati emergenti
Valeria Vine
Investment Specialist
Considerazioni principali
  • Tendenze importanti come la ripresa della domanda di viaggi, la crescita delle piattaforme digitali e l'accelerazione della tecnologia mobile stanno stimolando le prospettive dei
    mercati emergenti.
  • Opportunità di investimento sono ravvisabili in alcune società che trainano l'innovazione nei mercati emergenti, nonché in quelle che si rivolgono a segmenti di clientela trascurati.
  • I mercati di frontiera, molti dei quali non hanno registrato una recessione nel 2020, offrono agli investitori un'ulteriore serie di opportunità, in particolare in ambito obbligazionario.

Gli investimenti nei mercati emergenti pongono dei rischi, poiché si tratta di mercati volatili che a volte presentano problemi di liquidità. 


Non più i mercati emergenti degli anni '90


Oggi l'universo dei mercati emergenti appare molto diverso da quello degli anni '90. Le pressioni inflazionistiche interne che una volta erano il punto debole di questi Paesi si sono generalmente ridotte da una media del 78% nel 1990 al 5% del 2020. Il debito pubblico è aumentato da circa il 45% del PIL nel 1990 al 63% nel 2020, ma sembra gestibile rispetto ai Paesi sviluppati che hanno registrato un balzo oltre il 120% nel 2020. Nel contempo, il saldo aggregato delle partite correnti dei mercati emergenti è passato da un deficit a un surplus. Rispetto agli anni '90, quando diverse economie emergenti hanno sperimentato varie crisi, le riserve in valuta estera sono ora generalmente consistenti e gli ancoraggi valutari sono meno frequenti, il che permette ai Paesi dei mercati emergenti più flessibilità nel rispondere alle crisi.1


Oltre all'adozione di politiche fiscali e monetarie più ortodosse, molti mercati emergenti sono anche diventati più dinamici, meno ciclici e più competitivi nell'economia della conoscenza. In vari ambiti tra cui componenti tecnologici (chip di TSMC), elettronica, pagamenti digitali, e-commerce, biofarmaceutica, gaming e social media, le società dei mercati emergenti offrono innovazione e stanno diventando sempre più competitive su scala globale.


Al contempo, il debito dei mercati emergenti si è evoluto, passando da un'asset class ad alto rischio principalmente incentrata sui titoli sovrani dell'America Latina in USD a un universo molto più diversificato e di qualità superiore, che comprende obbligazioni societarie sia in valuta locale che in dollari provenienti da tutto il mondo. "La maggiore ampiezza e profondità del debito dei mercati emergenti ha dato ai gestori più libertà per posizionare i loro portafogli in modo da trarre vantaggio dalle loro view top-down, dato che molte delle sub-asset class nel debito dei ME hanno profili di rischio/rendimento molto diversi", sostiene Luis Freitas de Oliveira, Fixed Income Portfolio Manager.


Oltre il 50% dell'indice in dollari è attualmente valutato "investment grade" dalle agenzie di rating, nonostante anche i mercati di frontiera abbiano iniziato a emettere debito in dollari e i recenti declassamenti di più crediti. Per quasi il 90% della sua esistenza, il 70% dell'indice in valuta locale è stato valutato investment grade dalle agenzie, e al momento presenta un rating medio pari a BBB.2


In questo documento evidenziamo 10 temi che a nostro parere offriranno opportunità nei mercati emergenti nei prossimi 10 anni.


1. La classe media dei mercati emergenti detta la crescita del settore dei viaggi aerei


Prima della pandemia di COVID-19, circa 150 milioni di persone in Asia avevano preso per la prima volta l'abitudine di viaggiare ogni anno. Nel corso dei prossimi due decenni, è in questa regione che dovrebbe ingenerarsi il 50% circa dell'aumento di traffico aereo3, grazie alla rapida ascesa della classe media.


L'impossibilità di viaggiare durante la pandemia ha ulteriormente alimentato il desiderio di partire per svago tra gli abitanti della regione asiatica e i segnali di un'ampia domanda repressa sono già evidenti. La situazione in Cina è emblematica: dopo che i contagi erano stati in gran parte riportati sotto controllo, alla fine del 2020 i viaggi aerei interni erano quasi tornati ai livelli precedenti al Covid. Tuttavia, il recente aumento dei contagi da coronavirus ha imposto nuovamente alcune restrizioni agli spostamenti.


 


1. Fonte: IMF World Economic Outlook, aprile 2021


2. Dati al 28 aprile 2021. L'indice obbligazionario in valuta locale è il JPMorgan GBI-EM Global Diversified mentre l'indice obbligazionario in dollari è il JPMorgan EMBI Global. Fonte: JPMorgan


3. Fonte: Boeing Commercial Market Outlook 2020-2039


 

Fattori di rischio da prendere in considerazione prima di investire:
  • Il presente documento non ha pretesa di fornire consulenza sugli investimenti, né deve essere inteso come raccomandazione personale.
  • Il valore delle azioni e il reddito da esse derivanti possono sia aumentare che diminuire ed è possibile perdere una parte o la totalità dell’investimento iniziale.
  • I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. 
  • Se la valuta in cui si investe si apprezza nei confronti della valuta in cui sono denominati gli investimenti sottostanti del fondo, il valore dell’investimento diminuirà. La copertura valutaria cerca di limitare questo fenomeno, ma non vi è alcuna garanzia che tale copertura sia completamente efficace.
  • A seconda della strategia, i rischi possono essere associati agli investimenti in obbligazioni, derivati, mercati emergenti e/o a titoli ad alto rendimento; i mercati emergenti sono volatili e possono registrare problemi di liquidità.


Valeria Vine ricopre il ruolo di Investment Specialist presso Capital Group. Ha un'esperienza di 12 anni nel settore, di cui cinque in Capital Group. Prima di entrare in Capital, ha lavorato come Management Consultant presso Ernst & Young. Prima ancora, è stata Senior Consultant presso FactSet. Ha conseguito una laurea di secondo livello in banca e finanza internazionale presso la Cass Business School e una laurea di primo livello in economia presso l'Università di Nottingham. È inoltre accreditata come Chartered Financial Analyst®. Attualmente opera dalla sede di Londra.
 


 

I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri. Il valore degli investimenti e del relativo reddito può aumentare come diminuire e l’investitore potrebbe perdere in parte o per intero l’importo dell’investimento iniziale. Le presenti informazioni non intendono fornire consulenza fiscale, per gli investimenti o di altra natura, né essere una sollecitazione all'acquisto o alla vendita di titoli.

Le dichiarazioni espresse da un singolo individuo rappresentano l’opinione di tale persona alla data di pubblicazione e non coincidono necessariamente con le opinioni di Capital Group o delle sue affiliate. Salvo diversamente indicato, tutte le informazioni si intendono alla data riportata. Alcune informazioni potrebbero provenire da terze parti e, di conseguenza, l'affidabilità di tali informazioni non è garantita.